La 18° giornata, nonché l’ultima del girone d’ andata ha riservato delle belle sorprese sia in bassa sia in alta classifica. Nell’attesa dell’ ultimo match che andrà in onda Lunedì sera a Cagliari tra i sardi e il Milan dei neo arrivati Mandzukic e Meitè, a Roma si è disputato il derby che ha visto la brillante vittoria dei ragazzi di Inzaghi contro i giallorossi frastornati, che hanno pagato a caro prezzo ingenuità difensive e che hanno consentito ai biancocelesti di portare a casa i tre punti. Un 3-0 che fa morale alla Lazio ma che getta la Roma nel panico assoluto. Immobile e la doppietta di Luis  Alberto consentono alle aquile di posizionarsi al settimo posto a 31 punti accorciando così le distanze dall ‘ Atalanta che non è andata oltre il pari a reti bianche contro un bel Genoa. Netta vittoria con goleada e risultato quasi tennistico invece per il Napoli  contro la Fiorentina.

Viola asfaltati dai goal di Insigne( doppietta), Demme, Lozano, Zielinski e Politano e per gli uomini di mister Prandelli la situazione non è certo delle migliori. Un k.o. che fa male e tifosi inferociti. Per i partenopei un terzo posto a quota 34 ben saldo a pari merito proprio con la Roma.  Duricic salva De Zerbi da una quasi sconfitta ad opera di in Parma che aveva voglia di risultato. E così  è stato. Ducali in vantaggio con Kuko e poi raggiunti dal serbo nelle battute finali, cosicché un punto per parte che no fa ne onore ne gloria. Il Parma resta sempre penultimo in classifica incalzato dalla brillante ed inaspettata vittoria del Crotone in casa contro il Benevento.

Per i calabresi sono tre punti importanti per il prosieguo del campionato visto che hanno accorciato la classifica e la zona salvezza dista ora poche lunghezze visto anche il pareggio senza goal per il Torino contro lo Spezia che in inferiorità numerica è riuscito a strappare un punto ai granata. Dopo la partita c’è stato un summit della società per il probabile esonero di Giampaolo il cui posto invece resta ben saldo, per lo meno per come si è espresso pubblicamente Cairo.

Vince il Bologna sul Verona grazie ad un rigore trasformato da Orsolini , così come il neo- acquisto blucerchiato Torregrossa regala la vittoria alla Sampdoria ai danni di un’ Udinese in crisi d’ identità. De Paul porta i vantaggio i friulani che vengono raggiunti prima da Candreva su rigore e poi superati da Torregrossa che aveva poco prima rilevato il posto di Quagliarella.

Il big match tra Inter e Juventus è stato un revival tr presente e passato. Conte contro Pirlo, Vidal contro Chiellini. E proprio Re Artù porta in vantaggio i nerazzurri con un gran colpo di testa che permette agli uomini di Conte di andare a riposo per 1-0.

Ripresa ancora con netto dominio di Lukaku e compagni che raddoppiano con Barella confermando cosi di essere la vera antagonista del Milan per la lotta al titolo. Ci si aspettava forse una partita con ritmi bassi visto gli impegno settimanali avuti in Coppa Italia dove entrambe le squadre sono passate solo ai tempi supplementari, ma così non è stato.

I ritmi sono stati elevati, almeno per l’ Inter che trionfa e allontana la Juve relegando al posto a 33 punti,  e il distacco inizia a farsi sentire.