L’Udinese batte la Fiorentina 1-0 al termine di una gara soporifera destinata al pareggio, ma uno svarione di Milenkovic a tre minuti dal 90′ regala a Nestorowski la palla della vittoria, che il macedone non sbaglia.

Altra prova fragile, modesta, mediocre della Fiorentina. I Viola affrontavano una formazione con molte assenze e come dichiarato da Gotti con due giocatori in campo che non stavano bene. Prandelli per scelta tecnica, o meglio per punizione, lascia fuori dagli undici Amrabat. La squadra gigliata pur gestendo il gioco per tutta la gara manca di grinta, determinazione, voglia di affondare il colpo. Il pareggio non avrebbe fatto morti e sarebbe stato utile, e pare che la squadra giocasse per questo. Un errore di posizione a pochi minuti dalla fine di Milenkovic su cross di De Paul consente a Nestorowski di punire la Viola, e con la vittoria del Cagliari a Crotone la classifica si fa sempre più pericolosa…

Le pagelle viola

Dragowski 6: Chiamato solo una volta nel primo tempo su Stryger Larsen e si fa trovare pronto. Poi ordinaria amministrazione fino a che raccoglie il pallone in rete.

Milenkovic 5: Questa volta l’errore decisivo, la frittata, la compie lui. Si fa trovare fuori posizione e l’Udinese non perdona. Prima non aveva sbagliato nulla.

Pezzella 6: A parte uno svarione nei minuti iniziale, dirige bene la difesa viola fino al patatrac. (Dall’87 Borja Valero S.V.).

Quarta 6,5: Un acquisto azzeccato. In questo momento è il più in forma della squadra.

Malcuit 6: Una buona gara quella del francese, visto che da titolare non giocava dalla fine del 2019. (Dal 79′ Caceres s.v).

Eysseric 5,5: Scelta a sorpresa di Prandelli al posto di Ambarat, il tocco c’è, ma in mezzo la Viola pecca di dinamismo. (Dall’87 Montiel S.V.).

Pulgar 6,5: In crescendo di condizione, una buona prova spesa soprattutto in fase di copertura.

Castrovilli 5: Qulache sprazzo, ma non riesce mai a rendersi pericoloso nell’area bianconera. Passo indietro netto rispetto alla scorsa settimana (Dal 79′ Amrabat s.v: Non gli diamo il voto, ma non entra in campo sereno).

Biraghi 6: La sufficienza è esclusivamente per la volontà nel proporsi, la delusione è sempre nel passaggio finale sempre poco lucido.

Ribery 5,5: Con lui in campo, i compagni si affidano forse un po’ troppo a lui. Offre un bel pallone a Vlahovic nella ripresa. Esce esausto (Dal 68′ Kokorin 4,5: Imbarazzante. Il voto è per chi lo ha scelto e per chi lo ha avallato. La Fiorentina aveva bisogno, vista la classifica di giocatori pronti, e invece si è preso un giocatore assolutamente fuori condizione).

Vlahovic 6: Si sbatte da solo in mezzo ai tre centrali avversari, solo una volta è messo davanti al portiere. E Musso lo ipnotizza.