Dopo un’altra giornata ricca di emozioni, il campionato si ferma, lasciando spazio alle nazionali. Per non sentire la mancanza del calcio nostrano andiamo a vedere i top e i flop di quest’ultimo turno di serie A.

Flop

La medaglia di bronzo dei Flop di questo turno va assegnata alla Roma, sconfitta 2-0 a Parma. I giallorossi giocano una partita sottotono, cadendo in casa di un ottimo Parma. L’undici di Fonseca è apparso poco brillante con pochi squilli. E se non fosse stato per Pau Lopez, il passivo sarebbe stato molto più pesante… Brutta giornata per i capitolini che perdono anche il terzo posto in classifica. Niente tragedie. La sosta farà bene…

Sul secondo gradino del podio dei flop troviamo il Napoli, dopo il pareggio casalingo con il Genoa. Gli azzurri escono dal campo fra i fischi assordanti del San Paolo, sintomatici di una situazione sempre più critica. Il Napoli non riesce a creare. Le idee sono poche e confuse, la fase difensiva è molto deludente e il centrocampo non sembra essere più in grado di esprimere il suo enorme potenziale. Tre punti nelle ultime quattro partite di campionato non sono certo numeri da squadra che lotta per lo scudetto. Davanti Juve e Inter non rallentano…

Al primo posto fra i flop di giornata troviamo clamorosamente Cristiano Ronaldo, non tanto per la prestazione, comunque deludente. Il vero motivo sta nel comportamento tenuto al momento della sostituzione. Un campione si nota non solo nei gesti in campo, ma anche negli atteggiamenti mostrati fuori dal rettangolo verde. La scenata non è degna di un pentapallone d’oro. Un vero fuoriclasse deve essere in grado di riconoscere anche i momenti bui ed accettare che ci sono giocatori più in forma. Comportandosi in questo modo, Cr7 ha mancato di rispetto all’allenatore, ai compagni e ai tifosi. La delusione è tanta, ma siamo sicuri che si farà perdonare…

Top

Sul gradino più basso del podio dei top di giornata sale il bomber del Sassuolo Ciccio Caputo, autore di una straordinaria doppietta nel derby dell’ Emilia, grazie alla quale è arrivato a quota 5 reti stagionali. Il secondo gol è una perla, frutto di tecnica, potenza e precisione. Dopo il pareggio di Lecce, gli emiliani tornano così alla vittoria… Successo che coincide con il ritorno in campo di Caputo. Non certo una casualità.

Il secondo gradino del podio dei Top è occupato dal duo Dybala-Barella che con i loro gol hanno portato i tre punti alle proprie squadre.
Il talentino nerazzurro mette a segno una rete splendida: un tiro a giro da fuori area che si infila nell’angolo alla sinistra del portiere. Siamo di fronte ad un campione che, alla prima stagione in un grande club, non sta tradendo le aspettative. Finalmente un italiano con il futuro dalla sua. Tienamocelo stretto.
Il dieci bianconero è l’artefice della vittoria contro il Milan, grazie ad una splendida rete sull’asse Brasile-Argentina. La Joya sembra finalmente aver ritrovato la consapevolezza nei propri mezzi, contribuendo in modo netto alle ultime vittorie bianconere. Non solo il gol, ma tante altre belle giocate hanno impreziosito la serata dell’argentino. Al momento Dybala è imprescindibile per questa Juve…

Sul gradino più alto del podio dei Top sale ancora una volta il Cagliari che continua a stupire, annichilendo la Fiorentina nel lunch match delle 12 30.  Stiamo finendo gli aggettivi per definire questa squadra, sempre più convincente. Il gol dell’ 1 a 0 di Rog arriva al termine di una serie rapidissima di passaggi al limite dell’area. I rossoblu si divertono e fanno divertire, meritandosi il terzo posto in classifica. Altra prestazione sontuosa di Nainggolan (1 gol splendido e 3 assist) che sembra essere tornato il Ninja dei tempi migliori. Davanti Joao Pedro e Simeone si intendono a meraviglia. E nonostante tutto, ai microfoni nel post gara, Maran sostiene come la squadra abbia ampi margini di miglioramento…