Calciomercato Bologna Sorloth Trabzonspor

Perché la Roma non ha puntato su Ricky Massara?
Ha sbagliato, ha lasciato andare via un ragazzo di grande cultura e impegno incessante per il club. Massara arrivava alle 7.30 e andava via a notte inoltrata, la Roma ha fatto uno sbaglio esiziale. So che non è stato confermato perché ha tentato di difendere la figura di Monchi, l’uomo che oltre agli errori ha portato Zaniolo qui. Schierarsi con lui è stato letale. Parliamo di una vicenda piuttosto squallida, Massara è il Salah dei dirigenti e mi da gioie quotidiane. Spero che vinca.

Saresti tornato alla Roma?
Sono e resto impegnato con il Bologna, ma…

Sulla rosa della Roma
Sarei orgoglioso dei giocatori che ha questa Roma, tanti sono giovani. I difensori e Villar mi piacciono, anche Carles Perez ha colpi: deve entrare di più nella partita. Vedo un grande futuro per la Roma, non deve fare i capricci e deve rimettere a posto il capitano, che per me resta Dzeko. Il quarto posto non sarà facile da raggiungere, se devo combattere per la Champions non si può non puntare sul bosniaco. Chi prenderei dal Bologna fossi alla Roma? Ce ne sono tanti. Tomiyasu lo prenderebbero in molti, ma la Roma non è interessata. Abbiamo 4 giocatori che potrebbero piacere a chiunque.

Su Pastore
Pastore al netto dei guai fisici è l’incanto del calcio. Spero torni a giocare, ma quando un giocatore perde anni di attività è impensabile che possa tornare ad alti livelli. Mi dispiace enormemente per lui, avrebbe potuto deliziare i tifosi della Roma. E’ una sciagura, Roma ha questa sfiga che la porta a perdere sempre i giocatori di grande importanza. Servirebbe qualche rito propiziatorio.

Su Fonseca
E’ un bravo allenatore, ma deve smetterla di fare il kapò. Sul campo lo vedo davvero bene, un dirigente mi chiese se fosse il caso di presentarlo alla Roma e io spesi ottime parole per lui. Adesso bisogna vincere le partite, basta storielle.

Sei stato contento quando Pallotta ha venduto la Roma? 
Sì.

A chi manca la Roma, a lei o a Baldissoni?
A me, ma non posso dirlo perciò dico a Mauro.

Sulla sua esperienza da direttore sportivo della Roma
Ogni cosa che facevo la facevo con la consapevolezza di essere il direttore sportivo della Roma, questo club è stata la cosa più bella della mia vita. La mia operazione migliore? Dal punto di vista finanziario Alisson, è arrivato per 7 milioni, ha fatto un anno da dodicesimo ed era arrabbiatissimo con me, poi è decollato come è giusto che fosse. Il mio più grande rimpianto? Non riuscire a prendere Mkhitaryan quando era ancora allo Shakhtar Donetsk. Avevo anche preso Cuadrado, ma non voglio parlarne: dovrei denunciare un allenatore per questo, non lo farò mai.

Ha la sensazione di essere più amato a Roma da quando se ne è andato?
Forse sì, ma non ne ho la consapevolezza assoluta. Ogni tanto sento apprezzamenti estemporanei che mi danno un riconoscimento postumo.

Su Strootman e Nainggolan
Sono felicissimo per il ritorno di Kevin, glielo ho anche scritto, è una gioia immensa ma anche un dolore grande. Non lo ho trattato con il Bologna. Nainggolan è un poco di buono, mai ha voluto riconoscere a me una parte della sua felicità o della sua storia. Ho un affetto straordinario per lui, lo ho anche abbracciato quando era sudato ed è una cosa che non farei neanche con mio figlio, ma resta un poco di buono. Lo chiamavo di notte quando ero qui a Roma, mi giurava e spergiurava di essere a letto: un vero bugiardo, era sempre in giro. E’ ignobile per un professionista farsi riprendere ubriaco fuori da una discoteca, ma gli hai voluto un bene sportivo eccezionale, mi faceva emozionare con le sue scivolate. Quando arrivò a gennaio mi sembrava di aver fatto il colpo della vita, pensavo di aver preso il colpo di genialità tecnico-tattica che ci mancava. Si è messo da subito la maglia addosso.

L’infortunio di Strootman ha privato la Roma di un trofeo?
Pensi bene, con Strootman al 100% fino alla fine avremmo vinto.