In casa Roma è crisi nera: solamente 4 punti ottenuti nelle ultime 7 gare di campionato, 15 gol incassati, tre sconfitte consecutive ed un reparto offensivo che sembra ormai essersi smarrito. L’ultima battuta d’arresto risale a due giorni fa, quando i giallorossi sono caduti, di nuovo, sull’insidioso campo di Bergamo, nonostante la prestazione offerta sia stata migliore rispetto a quelle fornite durante le ultime uscite, scivolando a -6 dal quarto posto.

La squadra ed il suo mister Fonseca si trovano in un totale stato di confusione.

Sembra quasi che l’uno abbia iniziato ad adagiarsi sullo stato psicologico degli altri,  facendo sprofondare un gruppo che fino a dicembre, dopo un inizio non facile, aveva dato dimostrazione di poter mettere in difficoltà chiunque. In questi primi due mesi del 2020 il collettivo e coloro che lo compongono sembrano essere, calcisticamente parlando, altre persone: senza mordente, senza idee, senza una vera e propria identità, un mix di elementi il cui risultato non può che essere una macroscopica involuzione sotto l’aspetto delle prestazioni e dei risultati.

Quello che, però, resta ancora ignoto sono le motivazioni che hanno inciso e, di conseguenza, modificato la condizione psico-fisica di questi calciatori: forse la ragione potrebbe essere l’imminente cambio di proprietà, oppure la totale assenza di quella attuale. Altrimenti la responsabilità di tutto è da attribuire al ds Petrachi e al suo atteggiamento, o alla stampa romana, tacciata proprio dall’ex dirigente del Torino di scrivere falsità riguardanti mondo Roma.

Può darsi che la colpa sia di Fonseca che  sembra non riuscire più ad avere il totale controllo dei suoi ragazzi, oppure dei soliti infortuni, uno su tutti quello di Nicolò Zaniolo, senza il quale i capitolini sembrano aver perso quell’imprevedibilità ed efficacia offensiva che avevano mostrato nella prima parte della stagione. Complice anche l’assenza del talento classe ’99, infatti, i giallorossi hanno vinto solamente 2 partite, con il Genoa in campionato e con il Parma negli ottavi di Coppa Italia, perdendo il resto delle gare disputate, eccezion fatta per il derby conclusosi sul risultato di 1-1.

La Roma sembra aver buttato un’ennesima stagione al vento con l’eliminazione dalla Coppa Italia, il quarto posto che dista sei lunghezze ed una qualificazione alla prossima Champions League che sembra poter arrivare solamente tramite la conquista dell’Europa League che, al momento, appare piuttosto utopica.