All’Olimpico, domenica 25, alle 20.45 prende il via la stagione della nuova Roma di Fonseca, una ripartenza non facile dopo l’addio alla società giallorossa di Totti e De Rossi. Nella prima giornata arriva il Genoa dell’ex Andreazzoli, una delle società, che sulla carta, ha agito meglio nel mercato.

Qui Roma

Per la prima di campionato Paulo Fonseca è pronto a schierare per dieci undicesimi la squadra dell’anno scorso. L’unica novità è il portiere Pau Lopez, mentre in difesa ci saranno Florenzi a destra e Kolarov a sinistra. Al centro Fazio-Jesus, Mancini arrivato dalla Dea deve ancora inserirsi completamente negli schemi. Pellegrini-Cristante la mediana, con il trio Under-Zaniolo-Perotti alle spalle di Dzeko.

Qui Genoa

Andreazzoli punterà sul proprio modulo 3-5-2. Un dubbio riguarda la fascia sinistra: se Barreca non ce la fa, il suo posto verrà preso da Criscito, inserendo Biraschi nei tre dietro. Ghiglione è in vantaggio su Romulo invece come esterno di destra. In attacco il duo ‘baby’ formato da Pinamonti e Kouamé. Attesa per l’esordio in Serie A per l’ex Ajax Schone.

Probabili formazioni

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Fazio, Kolarov; Cristante, Pellegrini; Under, Zaniolo, Perotti; Dzeko. Allenatore, Fonseca.

Genoa (3-5-2): Radu; Romero, Zapata, Criscito; Ghiglione, Lerager, Schone, Radovanovic, Barreca; Pinamonti, Kouamé. Allenatore, Andreazzoli.

I precedenti

Roma-Genoa è una gara con grande tradizione nella massima serie, sono ben 52 i precedenti nella Capitale: con un dominio giallorosso fatto di 39 vittorie contro le 7 genoane. I pareggi sono stati 6. Le reti giallorosse realizzate 105, quelle rossoblu 30. La Roma arriva da tredici vittorie consecutive interne contro il Grifone, mentre l’ultima vittoria a Roma del Genoa è del 1990, una gara che si giocò al Flaminio: una vittoria per 1-0 firmata da Aguilera.

Dove vederla

La gara Roma-Genoa di domenica 25 alle ore 20.45 sarà visibile su DAZN. Per vedere la gara sarà necessario scaricare l’applicazione streaming sui vari device disponibili: dalle smart Tv, agli smartphone alle consolle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *