La società ha richiesto un incontro al Campidoglio per confrontarsi su un nuovo progetto “verde, sostenibile e integrato con il territorio”.

La riunione dovrebbe tenersi già la prossima settimana e il Comune guidato da Virginia Raggi è disponibile a valutare subito altre aree. Friedkin “ha una grande voglia di fare lo stadio per la città e per i tifosi”, assicura il tecnico, Paulo Fonseca. Così, a nove anni dalla prima proposta, si volta pagina e inizia la caccia alle nuove aree in città che potrebbero ospitare l’impianto sportivo.

Tra le prime ipotesi che circolano c’è la suggestione dello stadio Flaminio, ma anche altri tutti nomi da verificare, da Pietralata a Torre Spaccata, da Tor Vergata a Acilia, fino a Ostiense e Laurentino. Alcuni tifosi, in queste ore, stanno perorando sui social anche la causa di Fiumicino (il Comune alle porte della Capitale si è più volte detto disponibile ad un’operazione del genere): “Sarebbe di gran lunga l’opzione più veloce. È tutto infrastrutturato, basta tirare su lo stadio”. Non è escluso, infine, il ritorno con altri presupposti a Tor di Valle.