La Fiorentina sale a Parma per una sfida che è decisiva e Iachini ribalta le poche certezze della formazione viola lasciando fuori Lirola, Chiesa, Castrovilli, il rientrante Caceres oltre al portiere Dragowski, vittima di un risentimento muscolare. I viola giocano una partita attenta e con un primo attento si trova avanti con due rigori realizzati da Pulgar, il secondo più contestato per un tocco di mano, che prima del Var sarebbe stato inifluente. Parma imbrigliato e Fiorentina tranquilla. Nella ripresa pronti via e il Parma su un rigorino visto dal Var dimezza lo svantaggio con Kucka. La Fiorentina comunque non soffre quasi mai, se non nei minuti finali, ma va più vicina al terzo gol con Cutrone, Chiesa, Sottil e Castrovilli che a subire la rete del pari. Vittoria che porta Iachini e i suoi ragazzi a +9 dalla zona salvezza.

Le pagelle

TERRACCIANO 6,5 – Poco impegnato per ottanta minuti, nel finale offre sicurezza alla difesa con uscite sempre puntuali. Affidabile vice titolare.

MILENKOVIC 6 – Sempre attento e preciso, si vede poco in avanti.

PEZZELLA 6 – Il Capitano è ovunque, offre leadership alla difesa. Peccato per il rigore causato, anche se pare eccessivo.

IGOR 6 – Il roccioso brasiliano fa sentire il suo fisico soprattutto nel primo tempo. Sempre attento.

VENUTI 7 – Una delle sorprese di Iachini, la migliore. Gran primo tempo: traversa e rigore conquistato. L’ammonizione gli causa l’uscita a fine primo tempo.

Dal 1’st LIROLA 5,5 – Si vede poco sia dietro che in avanti, appare in difficoltà.

DUNCAN 6,5 – Molto bene l’ex Sassuolo, gioca con lucidità per tutta la gara. Qualche errorino veniale.

PULGAR 8 – Due rigori decisivi che possono dire salvezza, ma non solo. Partita lucida e attenta soprattutto nella fase difensiva.

BENASSI 5 – Peccato per l’infortunio, che lo terrà fuori a lungo. Nel primo tempo giocato è apparso in difficoltà.

Dal 46’pt CASTROVILLI 6 – Molto meglio rispetto al Sassuolo, poco poetico ma molto prosaico. Utile.

DALBERT 6 – Fatica con Kulusevski che non è esattamente un cliente comodissimo, ma non gli concede troppo spazio.

Dal 40’st SOTTIL S.v. – Pochi minuti giocati, ma frizzante. Spreca un paio di occasioni in contropiede.

RIBERY 6 – Gioca da regista avanzato, meno giocate rispetto ad altre volte, ma fa girare la squadra. Ansia per l’uscita dall’infortunio.

Dal 20’st CHIESA 6 – Entra bene, un tiro, si propone. Chissà che la panchina lo faccia reagire.

CUTRONE 5 –L’impegno c’è, ma la confusione tattica e tecnica di più. Ha solo una palla davanti al portiere e gliela tira addosso.