A poche ore dalla disfatta interna contro il Lecce la Fiorentina è pronta a provare a cambiare il corso di questo momento negativo appellandosi all Coppa Italia. Domani al Franchi alle ore 21 per il quarto turno della manifestazione arriva il Cittadella, squadra di Serie B, ma che sta vivendo un ottmo momento con sei risultati positivi nelle ultime gare. Visto il momento, anche una formazione della cadetteria mette molta apprensione alla squadra viola. Montella lo sa, la sua panchina traballa non poco, in altre situazioni forse sarebbe già saltata, ma il Patron Rocco ha deciso di confermagli la fiducia, che l’ambiente del tifo viola pare avergli tolto.

In tarda mattinata Montella si è presentato in conferenza stampa e ha risposto ad alcune domande. Il tecnico ha voluto ringraziare il presidente per le parole di coraggio infuse alla squadra e per il modo con cui sta gestendo la situazione. Sulle assenze: “Mancheranno Pezzella e Ribery, mentre Chiesa è molto difficile ci sia, c’è una speranza per domenica. Lo stesso Boateng probabilmente, per un affaticamento, non ci sarà“. Su Pedro: “Mi aspettavo qualcosa in più da parte sua sotto il profilo del riempire l’area di rigore. Non ho ancora deciso su chi giocherà, fisicamente sta bene ma gli manca intensità e deve abituarsi al calcio italiano e alle difese chiuse”. Su Sottil, probabile titolare in Coppa Italia: “E’ un ragazzo in cui crediamo molto: ha avuto problemi anche lui, sia alla caviglia che al pube, cosa che non gli ha permesso di allenarsi al meglio. E’ probabile che domani possa giocare in base alle scelte che farò“. Poi parla della possibile maglia da titolare per Terraciano e difende Lirola, da qualche critica ritenuta ingiusta: “ei primi venti minuti ha fatto vedere quel giocatore dirompente che ci aspettiamo da lui. Ha fatto due belle azioni sabato poi ha sentito qualche rumorino di troppo sugli spalti ed è stato condizionato: crediamo in lui e dobbiamo sostenerlo per fargli avere tranquillità per tutta la partita“.