Oltre a CR7, in quest’ultimo mese non si è fatto che parlare del matrimonio sfumato tra l’Inter e l’attuale numero 10 del Real Madrid, Luka Modric.

Una trattativa lunga che all’inizio ha fatto sognare i tifosi nerazzurri ma alla fine li ha resi vittime di continui sfottò per il mancato acquisto.

La risposta della FIFA su Modric

Ieri è arrivata la risposta della FIFA – finalmente, possiamo dire – sulla richiesta dei Blancos di denunciare l’Inter per aver contattato il fuoriclasse croato: questa accusa è stata respinta e così a passarci male è il patron Florentino Perez, rifilando una ‘figuraccia galactica’. Per tre motivi.

Il primo motivo riguarda Modric, poichè è stato lui stesso ad offrirsi al club di Suning rendendo di fatto quest’ultimo innocente.

Il secondo, forse non importante quanto il primo, è stato quello di promettere a Luka di lasciarlo libero non appena si fosse conclusa la stagione 2017/2018 solo in caso di raggiungimento della terza Champions League consecutiva; la coppa viene nuovamente conquistata e Modric è libero di scegliere il suo prossimo club. Florentino però, dopo aver salutato Ronaldo, non ci sta a perdere il vicecampione del mondo e decide di annullare la promessa fatta in passato, non riscontrando nessun tipo di pressioni dal suo giocatore e dal suo entourage.

Il terzo, non meno importante, ci riporta a pochi giorni prima che cominciasse il Mondiale in Russia. Si perchè è stato lo stesso patron a contattare segretamente il neo allenatore delle merengues ed ex ct della Spagna Lopetegui, senza aver prima parlato con la Federcalcio spagnola, compromettendogli definitivamente la panchina ai danni di Hierro.

Chissà, forse l’estate prossima se ne riparlerà…

Inter, saldo in positivo di 12 milioni

Passiamo al mercato appena concluso. L’Inter può sorridere in quanto tra entrate e uscite ha riscontrato un bliancio positivo di 12 milioni. Nonostante qualche acquisto caro, vedi Nainggolan pagato 38 milioni più i cartellini di Zaniolo e Santon, vedi Lautaro Martinez pagato 22 milioni e vedi la seconda rata da 12 milioni pagata per Vecino, i nerazzurri sono riusciti a mettere sotto contratto ottimi elementi in prestito con diritto di riscatto come Politano, Vrsaljko e Keita Balde e soprattutto hanno preso giocatori molto validi a 0 come De Vrij e Asamoah.

Sul fronte delle cessioni se ne è andato definitivamente Kondogbia al Valencia per 25 milioni mentre l’unico rimpianto è stato non aver piazzato Joao Mario.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *