Berlusconi ”Ricicla i soldi !” ” Berlusconi Farabutto!” queste sono le parole che sto sentendo dire da tanti (troppi) tifosi, che si sono reinventati a finti Sherlock Holmes o a pseudo esperti di finanza ( magari sono gli stessi che dicevano che Mr Li era una potenza economica fino a pochi mesi fà).

Ritirato il passaporto a Mr Li per troppi debiti

Nella giornata di ieri è uscita la clamorosa notizia che è stato ritirato il passaporto Cinese a Mr Li, poichè è pieno di debiti e si teme una sua fuga dalla Cina, ovviamente come in ogni paese civile ex presidente rischierà varie procedure penali e civili a seconda di cosa ha combinato per racimolare quella enorme cifra che è servito ad acquistare il Milan.
In tutto questo mettiamoci anche la caduta d’immagine di un imprenditore e la perdita di ”onore” cosa che chi conosce almeno un pochino di cultura asiatica sà che viene prima di tutto.

La teoria del riciclaggio regge?

Bene allora domando a tutti questi esperti diffamatori: Sapete dirmi perchè Mr Li avrebbe dovuto distruggere la sua vita imprenditoriale per fare una ”cortesia” o un servizio di riciclaggio di denaro sporco a Berlusconi?
La risposta è semplice NESSUNO pignorerebbe le sue proprietà e metterebbe in discussione la sua libertà da libero cittadino per permettere a un altro soggetto di riciclare il suo denaro.
Quindi la barzelletta del Riciclaggio non regge, allora mi domanderete , perchè ha perso il Milan per un bonifico da 32 Milioni ? Perchè ha acquistato il Milan se non se lo poteva mantenere?

La mia ipotesi

Beh la vera risposta la saprà solo lui,  ma la mia teoria è che Mr Li fosse spalleggiato da potenti aziende Cinesi (forse Huarong che firmò un assegno in prima persona durante il closing) e che per colpa del blocco di investimenti del governo Cinese, o per altre motivazioni da trovare, lasciarono l’imprenditore Cinese da solo nell’atto del closing.
Per non far saltare la trattativa ,visto che la maggior parte dell’acquisto del Milan era stato pagato tramite diverse caparre da 100 milioni di euro (forse in piccola parte da Li e in grande parte da questa azienda fantasma), si è preferito bussare alla porta dell’avvoltoio (il fondo Elliott) e chiedere il mutuo che ha stroncato il cinese piuttosto che perdere quelle caparre e far saltare una trattativa da centinaia di milioni.
Seguendo questa mia teoria verrebbero meno anche le accuse mosse a Berlusconi di averci lasciato ”in cattive mani” proprio perchè c’erano queste grandi aziende statali come socie di Mr Li per l’acquisto del Milan .

Mr Li abbandonato

A confermare questa mia teoria ecco l’intervento di Paolo Berlusconi, fratello di Silvio storico amministratore del Milan rilasciata in serata alla trasmissione QSVS cito”La mia versione? Il governo cinese ha cambiato filosofia: ha detto ‘andate e conquistate il mondo del calcio’ perché il calcio viene visto come propaganda della democrazia, quindi lui insieme a una scalata di altri imprenditori si è trovato a far fronte all’acquisto del Milan e poi è stato abbandonato dai suoi compagni di viaggio. ”
Per ragion di logica visto che il patrimonio di Mr Li era stimato in 500 mln di dollari non avrebbe mai potuto permettersi di investire quel miliardo e 200 milioni circa investiti durante la sua gestione del Milan.
Tifosi basta fare i detective e siate solo riconoscenti per come Berlusconi ha fatto grande il Milan.