Il Milan batte il Benevento per 2 a 0 e riconquista il secondo posto a quota 69 punti aspettando l’esito delle gare delle dirette avversarie. La squadra di Pioli è apparsa determinata, tonica dal lato fisico, eccessivamente sprecona in zona gol anche grazie ad un Montipò in versione saracinesca abbassata. Reti di Calhanoglu e Theo Hernandez che si fa perdonare alcune leggerezze delle scorse gare, male Bennacer e Leao.

Donnarumma 6,5: reattivo sul tiro potente di Ionita nel primo tempo, si ripete su Lapadula nella ripresa.

Dalot 6,5: il ragazzo è in decisa crescita, sta bene fisicamente ed in fase offensiva sa come fare male cercando in più occasioni il fraseggio con il suo compagno di fascia Saelemaekers. Interpreta al meglio anche alcune diagonali non facili.

Tomori 6: commette una piccola ingenuità non seguendo il taglio di Lapadula, per il resto affronta la gara con la solita determinazione risultando nel finale provvidenziale su Gaich.

Romagnoli 6,5: in campo da titolare dopo un lungo periodo di stop sembra non risentirne affatto, anzi offre una prestazione assolutamente positiva, molto attento a coprire ed a reimpostare l’azione.

Theo Hernandez 7: realizza la sua prima rete del 2021 e si fa perdonare alcune gare condotte con estrema leggerezza. Le sue ripartenze sono spesso letali, il francese ha gamba e mostra un ottimo stato di salute. ( dal 29’ st Calabria 6: ordinato, bravo a contenere Caprari).

Bennacer 5: tocca come al solito una quantità infinita di palloni, ma quello che gli manca da alcune partite a questa parte è la lucidità. Perde infatti ancora troppi palloni e rischia il fallo per andare a recuperarli come quello che per poco gli costa il secondo cartellino giallo. ( dal 1’ st Tonali 6,5: recupera diversi palloni, pressa alto e dimostra di essere in forte crescita)

Kessie 7,5: la solita prestazione di grande quantità, il mezzo voto in più è dovuto al velo che manda in rete Calhanoglu ed al filtrante per Ibrahimovic che si fa stregare dall’ottimo Montipò.

Saelemaekers 6,5: conferma il suo ottimo momento, spazia su tutta la fascia frastornando i difensori campani, instancabile. ( dal 29’ st Castillejo 5: si fa notare per due falli evitabili, salterà per squalifica la Juventus).

Calhanoglu 7: è il faro del reparto offensivo, quando non sai a chi passare palla lui è sempre libero, spazia a 360 gradi anche in fase di non possesso, ttrova una rete di pregevole fattura.

Leao 5: si diceva che sarebbe bastato metterlo nel suo ruolo naturale purtroppo sempre e solo parole. Il portoghese si fa apprezzare per due ripiegamenti in fase difensiva, per il resto il nulla assoluto, ancora una volta. ( dal 29’ st 5,5: entra determinato per trovare il gol, la troppa foga probabilmente lo porta a sbagliare alcuni facili disimpegni).

Ibrahimovic 6: cambia il volto al Milan, tutta la squadra sembra beneficiare dal ritorno dello svedese che si fa vedere con giocate da campione, peccato alcuni errori sotto porta. Nel complesso una piena sufficienza.

Pioli 7: ricompatta il gruppo, trova i tre punti ed un buon Milan che crea occasioni su occasioni, la prova del nove sarà contro la Juventus.