Le pagelle di Juventus-Genoa

La Juve si ferma a 8

Si ferma la rincorsa della Juve al record delle 10 vittorie iniziali della Roma. I bianconeri vengono fermati in casa dal Genoa, al termine di una partita giocata a due facce. Dopo un primo tempo nettamente dominato dalla squadra di Allegri, finito solo 1-0 grazie alla rete del solito CR7, il Grifone è riuscito a pareggiare con la rete di Bessa, complice una dormita collettiva della difesa bianconera. La Juve ha il demerito di essere rientrata in campo sgonfia mentalmente, dopo 45′ di altissimo livello. Probabilmente la testa era già indirizzata a Manchester. Il Genoa ha invece il merito di essere rimasto sempre in partita, riuscendo a sfruttare l’unica occasione che gli è stata concessa. Juric comincia così alla grande la sua terza avventura in rossoblu.

Vediamo i voti dei protagonisti.

Juventus

Szczesny 6 Comincia a sporcarsi i guanti solo nella ripresa, quando deve rispondere al tentativo del suo connazionale Piatek. Per il resto è ordinaria amministrazione. Incolpevole sul gol.

Cancelo 6,5 Si contende con CR7 la palma del migliore del primo tempo. È uno stantuffo sulla fascia, regalando anche numeri di gran classe, vedi la roulette al limite della sua area di rigore. Poi, come tutta la Juve, sparisce nella ripresa. Mezzo voto in meno per la grave disattenzione che ha dato la possibilità a Bessa di segnare il pareggio.

Bonucci 5,5 Dimostra stranamente poca precisione nei lanci e nei passaggi. Appena ha la palla, cerca insistentemente CR7, diventando troppo prevedibile. Chiude bene in varie occasioni su Piatek, ma ha molte colpe sul gol.

Benatia 6 Gioca 90 minuti abbastanza ordinati, senza grosse sbavature. Riesce ad arginare l’attacco genoano in varie occasioni, anche se viene colto impreparato nell’azione del gol di Bessa.

Alex Sandro 6+ Dopo un primo tempo mediocre, con poche sortite offensive, è fra i migliori dei suoi nella ripresa. È bravo a mettere in mezzo un pallone stupendo che CR7 non riesce ad impattare per pochissimo.

Bentancur 6 Si integra a meraviglia nel centrocampo bianconero, giocando un ottimo primo tempo, sia in fase di costruzione che in interdizione. Sparisce completamente nella ripresa, non entrando mai nel vivo del gioco, limitandosi a giocare semplice.

Pjanic 6,5 Nel primo tempo gioca con una personalità da manuale, regalando palloni con il contagiri ai compagni, come il pallone rasoterra dato a CR7, al termine di una stupenda azione corale. Nella ripresa cerca di prendere per mano la squadra, ma spesso non è preciso nell’ultimo passaggio.

Matuidi 6 Stranamente offre pochi inserimenti, peraltro non colti dai compagni. È preziosissimo soprattutto in difesa, con puntuali diagonali.

Dal 71′ Dybala 6 Entra bene in campo, con il giusto piglio. Sfiora il gol con un sinistro di poco a lato, ma niente di più.

Cuadrado 6,5 Sfrutta bene l’opportunità concessagli da Allegri. Si intende a meraviglia con Cancelo sulla fascia destra, regalando vivacità ed imprevedibilità. Cala nella ripresa, come tutta la squadra.

Dal 59′ Douglas Costa 5,5 Non dá il contributo che Allegri si aspettava. Offre qualche spunto dei suoi, ma spesso si intestardisce in dribbling improbabili. Probabilmente l’infortunio si è fatto sentire.

Mandzukic 5 Non è il solito Mandzukic, non dimostrando la sua consueta cattiveria in area di rigore. In alcune circostanze è apparso addirittura svogliato, non seguendo il pressing dei compagni. Ci può stare un po’ di fatica.

Dall’81’ Bernardeschi s.v. Tocca troppo pochi palloni per essere valutato. Probabilmente Allegri avrebbe dovuto metterlo prima.

C. Ronaldo 7 È il dominatore assoluto dei primi 30′. Tira da ogni posizione, corre, lotta, colpisce un palo, segna. Insomma il solito CR7. Poi sonnecchia nella ripresa, pensando forse a recuperare energie per la sfida di martedì contro la sua ex squadra.

Allegri voto 6 Dopo un primo tempo dominato, non riesce a trasmettere alla squadra la giusta grinta per restare concentrata sulla partita. I cambi, inoltre, non hanno portato i frutti sperati.

 

Genoa

Radu 5,5 Molto spesso impreciso e responsabile sul gol di CR7. Si riscatta parzialmente con alcuni interventi e con buone uscite, soprattutto nel secondo tempo.

Criscito 6 Dopo venti minuti da incubo prende bene le misure e riesce a controllare abbastanza bene gli attaccanti bianconeri.

Romero 6 Esordire in Serie A all’Allianz Stadium a 20 anni non è certo facile. Si nota la mancanza di esperienza quando dopo 10′ viene giustamente ammonito. Poi si scrolla di dosso la paura e gioca una partita ordinata.

Biraschi 6,5 Uno dei migliori dei suoi. Riesce a controllare bene le scorribande di Alex Sandro prima, e Douglas Costa poi, concedendosi anche qualche buona sortita offensiva.

Lazovic 5 Con Cancelo dalla sua parte, probabilmente è uscito dal campo con il mal di testa. È sempre in ritardo sulle chiusure e non si vede quasi mai in fase offensiva.

Sandro 5,5 Dopo un primo tempo da spettatore, culminato con un tiro alle stelle, gioca una buona ripresa, senza però fare cose straordinarie.

Romulo 6 Come tutto il Genoa, la sua prestazione sale nel secondo tempo. Dopo un primo tempo abulico, si riscatta nella ripresa, mettendoci sempre la grinta su ogni pallone e creando qualche preoccupazione alla difesa bianconera.

Pereira 5,5 Si vede davvero poco. Non garantisce una copertura adeguata sulla fascia e non offrendo quasi mai spunti in fase offensiva.

Dal 79′ Gunter 6 Entra bene in partita, dimostrando di essere attento in fase difensiva nel chiudere bene tutte le linee di passaggio bianconere.

Bessa 6,5 È uno dei più attivi dei suoi. Dimostra buone qualità e ottimi tempi di inserimento. È abilissimo ad inserirsi a fari spenti fra le maglie bianconere in occasione del gol.

Dall’82’ Hiljemark s.v. Entra per dare freschezza e per arginare le avanzate bianconere.

Kouamé 7 Uno fra i migliori in campo in assoluto. Dimostra grande qualità abbinata ad un’ottima corsa. Ha poi il merito di crederci fino alla fine, regalando un cioccolatino a Bessa per un pareggio che vale come una vittoria.

Dall’85’ Pandev s.v. Entra per sfruttare gli spazi aperti concessi dalla Juve , ma riesce solo a farsi ammonire.

Piatek 5,5 Ci si aspettava tanto da lui, ma il suo solito gol non è arrivato. Al suo primo test importante non entusiasma. Dopo un primo tempo da spettatore non pagante, si ricorda di essere il capocannoniere del campionato e comincia a tirare in porta, impensierendo il suo connazionale Szczesny. Svaria in tutto il fronte offensivo e si sacrifica spesso per aiutare i compagni in difesa.

Juric voto 6,5 Ha il merito di riuscire a far rimanere la squadra in partita, credendo nel colpaccio. Con un pareggio a Torino inizia benissimo la sua terza avventura genovese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *