Al Franchi nell’anticipo del sabato pomeriggio tra Fiorentina e Napoli finisce con un pari a reti inviolate. Un pareggio che all’inizio non avrebbe accontentato nessuno, ma che al termine della gara sta forse un po’ stretto al Napoli che ha avuto tante occasioni ma ha trovato un formidabile Lafont. La Viola muove poco la classifica ma riempie il cuore d’orgoglio, perché nonostante le assenze iniziali e gli infortuni durante la gara ha resistito ad una grande squadra.

La partita

Pioli ha la difesa rivoluzionata, gioca a tre con Ceccherini, Pezzella e Hancko, e in attacco affianca Gerson a Muriel e Chiesa. Il Napoli approfitta della poca coesione della difesa e ha occasioni per affondare. Il pressin viola è asfissiante e continuo e toglie alla mediana azzurra la capacità di palleggio. La tecnica azzurra permette nel primo tempo di arrivare in almeno 4 occasioni davanti a Lafont, ma il portiere franncese è in serata di grazia e para tutto. La Fiorentina risponde con Chiesa e Veretout, ma Meret è bravo. La ripresa vede meno occasioni, ma la corsa e l’agonismo rimane forte. La Fiorentina cede fisicamente nel finale, un paio di infortuni oltre l’acido lattico che imbriglia le gambe. Pezzella negli ultimi dieci minuti, infortunato al ginocchio, rimane stoicamente in campo, ostacolando con una gamba sola le avanzate napoletane.

Le pagelle

LAFONT, voto 8 – Qualche incertezza, al solito su alcune uscite, ma tra i pali questa sera è miracoloso: almeno tre interventi straordinari. Il punto è gran parte suo!

CECCHERINI, vto 6,5 – Chiamato a giocare sul centrodestra, all’inizio va un po’ in difficoltà, ma con il passsare dei minuti sale in cattedra. Se la Viola concede occasioni, non sono dalla sua parte.

PEZZELLA, voto 7 – Capitano coraggioso. Al centro di una difesa quasi esordiente, ha il suo da fare, ma non perde la testa. Nel finale s’infortuna al ginocchio, rimane, novello Toti, in campo con una gamba sola.

HANCKO, voto 5 – Lo slovacco, all’esordio nel ruolo di centrale in viola, soffre le imbucate partenopee: almeno tre volte gli si sfilano dietro… deve ringraziare Lafont.

Dal 12’st VITOR HUGO, voto 6 – Recuperato in extremis, entra a dare un po’ di sicurezza alla difesa. Visto l’infortunio di Pezzella, essenziale.

BIRAGHI, voto 5,5 – Anche Si vede poco in avanti, nel primo tempo Callejon lo mette in difficoltà e non riesce ad essere da supporto per Hancko

DABO, voto 6,5 – Il francese gioca da quinto di centrocampo a destra: nel primoi tempo è chiamato molto in causa: ci mette fisico e agonismo. Tiene su la baracca.

EDIMILSON, voto 6 – Messo in mezzo tra Allan e Ruiz non è facile, ma lui è dinamico e mette il piede ovunque.

VERETOUT, voto 6,5 – Il francese, sogno di Ancelotti, è il solto 7 polmoni, rincorre tutti. Manca forse di un po’ di lucidità. L’occasione più grande viola è la sua nel primo tempo.

CHIESA, voto 6 – Gioca da seconda punta accanto a Muriel, nel primo tempo provano alcuni scambi in velocità. Tocca meno palloni rispetto al solito, il secondo tempo si vede meno, forse limitato da un calcione sul finire del primo tempo.

MURIEL, voto 6 – La tecnica c’è tutto, alcuni scambi molto belli. non riesce a trovare il tiro, spreca un buon contropiede nella ripresa.

GERSON, voto 6,5 – Oscilla tra il tridente d’attacco e la mediana: buona prova per il brasiliano, che forse esce un po’ troppo presto..

Dal 23’st MIRALLAS – Entra ma non ha tempo di incidere perchè s’infortuna, s.v.

Dal 35’st SIMEONE – S.v.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *