Il clima, se non fosse per questo per questo coronovirus che rende tese le nostre giornate, sarebbe già mite, già pronto ad aprirsi alla primavera che sta arrivando. In questi giorni la Fiorentina si sta muovendo in maniera pesante per legare a sè più lungamente, due fiori sbocciati nel proprio giovane giardino. A buon punto sembrano essere le trattative per i rinnovi di Federico Chiesa e Dusan Vlahovic.

Federico Chiesa, superati anche i problemi fisici, con Iachini sembra anche sotto il punto di vista della mentalità un giocatore rinato: leader in campo e marcatore, quattro reti nelle ultime sei gare. Gli incontri tra Commisso e il padre Enrico avevano fatto ritrovare anche un buon feeling con la società, dopo lo strappo estivo quando il giocatore sembrava volere andar via. Gli ultimi rumors parlano di un prolungamento del contratto, attualmente in scadenza nel 2022 molto vicino: c’è sul tavolo la proposta di prolungamento fino al 2024 e ingaggio da top player, che potrebbe sfiorare i 4 milioni a stagione, con i bonus.

Vlahovic, ci siamo quasi

Non solo Chiesa, con il quale l’accordo potrebbe essere firmato al ritorno a Firenze di Commisso tra quindici giorni, anche Dusan Vlahovic è vicino al rinnovo con la maglia viola. Il talento serbo, corteggiatissimo da tanti club, ha sempre dichiarato che vuole continuare l’avventura in riva all’Arno. Ieri Ristic, il procuratore di Vlahovic, era al centro sportivo Astori, e si è parlato a lungo dell’assistito: è stato proposto un prolungamento fino al 2025 (a fronte dell’attuale scadenza che è invece nel 2023) e il suo ingaggio andrà a raggiungere quota 1 milione di euro a stagione, più l’inserimento di ulteriori bonus. Una proposta che pare essere stata accettata, a presto le firme.