Pirlo vince

La Juventus è pronta a scendere in campo contro il Parma in vista del prossimo match di campionato in programma mercoledì 21 aprile alle ore 20.45. Ecco quanto dichiarato dall’allenatore bianconero Pirlo alla vigilia della partita.

Le parole di Pirlo

Intervenuto nel corso della conferenza stampa. il tecnico bianconero, soffermandosi sulla Superlega, ha affermato: “Noi siamo concentrati su quello che dobbiamo fare, quindi sulla qualificazione alla Champions. La Superlega è un progetto futuro, stamattina è venuto anche il presidente a parlarci, siamo sereni perché lui è in prima linea nella progettazione di questa cosa, ma noi dobbiamo pensare alla qualificazione in Champions. È uno sviluppo per il mondo del calcio, ci sono stati tanti cambiamenti durante gli anni, è cambiata la Champions, è cambiato il modo di giocare a calcio, sono cambiate le regole, è una novità ma non sono io la persona adatta a spiegarla, ci penserà il presidente. Noi pensiamo solo al presente e alla qualificazione in Champions League”.

Ha quindi aggiunto: “Vediamo il presidente quasi tutti i giorni, è sempre stato vicino alla squadra. Ci ha spiegato questo progetto, ci ha dato grande fiducia, ma la cosa più importante che ci ha detto è di continuare il nostro lavoro. Agnelli più lontano negli ultimi tempi? Lo vediamo tutti i giorni, non l’ho sentito lontano, passa alla Continassa, è vicino alla squadra, lo sento dopo le partite quindi è sempre stato presente, due o tre volte alla settimana passa per vedere come va. Ci ha spiegato questo progetto a grandi linee e non nei particolari, ci ha dato fiducia, ma ci ha detto di continuare con il nostro lavoro perché l’obiettivo è la Champions. Sono state fatte valutazioni, ma non devo parlare io di questa cosa. Siamo fiduciosi perché abbiamo un presidente all’avanguardia che può spiegare queste cose ed è giusto sia lui a farlo. La reazione dei giocatori? La cosa è stata recepita, lui l’ha spiegata e l’hanno recepita come è giusto che sia, è solo un progetto, dobbiamo pensare al presente e non al futuro”.