L’emergenza Coronavirus sta mettendo in crisi tantissime attività produttive del nostro Paese e anche il calcio non è da meno. I club di Serie A dovranno fare i conti con una profonda crisi economica e alcuni stanno già studiando le contromisure adatte. Tra queste la Juve e l’idea parte dai propri giocatori.

I giocatori bianconeri stanno valutando di tagliarsi una parte dello stipendio, non solo spalmando ma anche rinunciando ad alcune mensilità prima ancora che tutto venga stabilito a livello nazionale. L’idea parte da Giorgio Chiellini dopo un confronto con Paratici e Agnelli. Queste le tre ipotesi sul tavolo.

  1. Marzo pagato subito, poi sospensione degli ingaggi fino alla ripresa
  2. Rinuncia a un mese su quattro o due su quattro a seconda se si riprende o meno
  3. Rinuncia a un mese e mezzo a prescindere da come finirà

Queste le tre opzioni formulate dal club bianconero. I giocatori sanno che al momento non sono obbligati a tagliarsi gli stipendi, Chiellini però ha fatto appello al senso di responsabilità, ricordando quello che è accaduto per esempio al Bayern Monaco, dove i giocatori hanno deciso di tagliarsi il 20% dell’ingaggio mensile per aiutare il club a pagare altri dipendenti. La squadra avrà qualche giorno di tempo per pensarci: entro fine mese verrà presa una decisione che metta d’accordo tutti.