Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Genoa in programma martedì 30 giugno, alle ore 21.45, ecco quanto dichiarato dall’allenatore della Juventus, Maurizio Sarri.

Le dichiarazioni di Sarri

Nel corso della conferenza stampa Maurizio Sarri, parlando della possibilità che domani per Buffon possa essere il giorno del record, ha affermato: “Non lo so, non abbiamo deciso. Ma visto che abbiamo tante partite arriverà sicuramente in questa stagione. Non abbiamo parlato dei programmi dei portieri, vedremo in base alle sensazioni di Claudio Filippi”. In merito alla partita contro il Genoa ha poi aggiunto: “Partita complicata, per noi ma per tutti. Giochiamo contro una squadra che sta lottando per la salvezza, non possiamo aspettarci qualcosa di semplice. Saremmo su una strada sbagliata”.

Inevitabile un commento su Higuain, con l’allenatore che ha dichiarato: “Sta meglio, l’incertezza è sul minutaggio più elevato in questo momento”. Mentre su Bentancur e Ramsey ha affermato: “”Bentancur l’ho visto crescere in fretta, mi aspettavo un giocatore forte, in questi mesi ha messo pure convinzione. Sta tirando fuori più personalità, ci può sorprendere ancora in futuro perché ha ancora margine. Ramsey sta meglio, nell’ultimo ingresso l’ho visto più frizzante ma ha fatto pochi allenamenti con la squadra. Valuteremo nelle prossime ore se spenderlo in corsa. Le condizioni di Bentancur? Pare stia bene, ha fatto due giorni di scarico attivo, pare non abbia problemi”.

Sarri sullo scambio Pjanic-Arthur

Inevitabile poi le domande sullo scambio di mercato Pjanic-Arthur, con Sarri che a proposito del primo ha dichiarato: “Penso sarà tranquillo, andrà a giocare in un altro grande club. Può essere contento di questa soluzione, di lui sono tranquillo: ragazzo serio, la possibilità che non ci dia il massimo non la vedo“.

Arthur? “Stiamo parlando di due ragazzi che devono giocare ancora due mesi con i loro club. Io ho da giocare partite importanti, non mi va di perdere energie dietro il mercato che non mi dà gusto. L’opinione pubblica negli ultimi anni si è appassionata al mercato perché se ne parla molto, bisognerebbe farla appassionare anche al calcio. Lasciamo la valutazione per il momento, qualcuno dello staff lo studierà fino in fondo per essere pronti quando arriverà questo ragazzo”.