La Fiorentina del Iachini bis riparte dal pareggio esterno contro il Genoa a Marassi: 1-1 firmato da un altro gran gol di Vlahovic. I Viola giocano quasi tutta la ripresa in dieci per l’espulsione di Ribery.

Un pareggio, un buon punto quello che riportano a Firenze i viola. Un punto importante visto che dal 55′ i viola giocano in dieci per l’espulsione di Ribery per un fallaccio su Zappacosta. I Viola iniziano la gara meglio dei padroni di casa, ma alla prima azione in profondità su una dormita della difesa gigliata Destro al 13′ porta in vantaggio il Grifone. I viola reagiscono e dieci minuti dopo con un gran gol di Vlahovic i ragazzi di Iachini trovano il pareggio.

Di azioni pericolose lungo la gara non ce ne tante, le squadre paiono accontentarsi del punto condiviso che visti i risultati dagli altri campi risulta buono per la classifica. Da segnalare in casa Fiorentina l’ennesima buona prova di Vlahovic e un gara finalmente convincente di Pezzella.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Fiorentina, rivoluzione difesa: si cerca un altro argentino

Le pagelle viola

Dragowski 6 – Chiamato in causa solo per qualche uscita, non viene mai seriamente impegnato anche quando la Viola è in inferiorità numerica

Milenkovic 5,5 – Condivide con Quarta la dormita sul gol di Destro, ma anche lungo la corsia destra soffre le incursioni di Zappacosta. Meglio nella ripresa.

Pezzella 7 – Una partita finalmente all’altezza del capitano viola. Sul gol genoano le responsabilità sono condivise, nel resto della gara non sbaglia un colpo e in paio di occasioni è decisivo.

Martinez Quarta 5,5 – Il più responsabile nella dormita della difesa viola nell’iniziale svantaggio. Unico errore ma pesante. Poi è sempre attento.

Caceres 5 – Primo tempo lungo la corsia destra deve contrapporsi a Zappacosta ed è perennemente in affanno. Iachini gli cambia corsia e le cose migliorano.
(dal 71’ Biraghi 6 – Gioca senza sbavature, deve contenere per portare a casa il punto).

Bonaventura 5,5 – Inizio in difficoltà, cresce lungo la gara: è l’unico centrocampista che può portare imprevedibilità, ma la scintilla non scocca mai.
(dal 71’ Eysseric 6 – Diamo il voto perché fa quantità, ma rischia al 95′ di causare un rigore).

Pulgar 5 – Perde due palloni, uno per tempo velenosissimi. Contro un altra squadra avrebbe rischiato di essere punito pesantemente. Lotta e nel finale viene ammonito, salterà l’Atalanta.

Castrovilli 6,5 – Partita in crescendo, con il passare dei minuti prende per mano la squadra. Lo sblocca l’assist di testa a Vlahovic.
(dall’83’ Callejon s.v.)

Venuti 5 – Un po’ meglio di Caceres nel fronteggiare Zappacastosta, però commette un paio di lisci in fase difensiva preoccupanti.
(dall’88’ Amrabat s.v.)

Vlahovic 7,5 – Altra magia per Dusan con il suo sinistro. E sono 13 in Serie A. Un gran gol dentro una partita giocata da vecchio marpione contro la difesa rossoblu.
(dall’88’ Kouame s.v.)

Ribery 4 – La prestazione sarebbe da 5, un netto passo indietro rispetto alle ultime gare. Fallo grave, non tanto nella sostanza, ma perché lascia per oltre mezz’ora la sua squadra in inferiorità. Si rifarà.