Finisce 1-1 l’attesissima sfida Fiorentina-Juventus, le due squadre si dividono la posta in palio. Forse il punto è più pesante per la Viola in chiave salvezza.

Bella gara quella del pomeriggio al Franchi due squadre che con le loro armi cercano di centrare l’obiettivo, arrivati a questo momento, della stagione. La Fiorentina cerca punti per la salvezza, la Juventus, abdicato dopo 9 anni il titolo di Campione d’Italia, è assetata di punti per raggiungere la zona Champions.

Il primo tempo vede una bella Fiorentina, che aspetta una Juventus lenta e senza idee per colpirla in contropiede. Le occasioni sono tutte di marca viola: al 29′, su calcio di rigore per un fallo di mano di Rabiot, Vlahovic insacca con un cucchiaio per cuori forti. La ripresa inizia con una serie di cambi per Pirlo, quello decisivo è l’ingresso di Morata che dopo 40 secondi trova un bellissimo gol.

La ripresa vede la Juventus attaccare, andando vicina al raddoppio in un paio di occasioni, e la Viola difendersi riproponendosi in velocità, senza però creare pericoli importanti. Punto pesante per la Viola che allunga sul Benevento, sconfitto in casa dall’Udinese, mentre la Juventus non riesce a dare lo sprint decisivo per la Champions.

Le pagelle viola

pagelle fiorentina
pagelle fiorentina

Dragowski 5,5 – Mai chiamato in causa nel primo tempo, nel secondo oltre al gol è messo sotto pressione e lui produce qualche sbavatura.

Caceres 6 – Meglio da centrale che da laterale, quando la Juve spinge dalla sua parte.

Pezzella 6 – Sfortunato nell’azione del gol quando il piede tiene in gioco Morata, per il resto bene.

Milenkovic 7 – Il turno di riposo pare avergli giovato. Non sbaglia nulla contro CR7. Molto bene.

Venuti 6 – Gioca solo un tempo, poi s’infortuna. Sufficienza nel buon primo tempo viola. (Dal 46’ Martinez Quarta 5- Ha sulla coscienza la marcatura molle sull’azione di Morata).

Amrabat 7 – Ha il difetto di tenere un po’ troppo il pallone, ma oggi in mezzo al campo non passa nessuno.

Pulgar 6,5 – Un bel tiro impenserisce il portiere bianconero. Per il resto una gara ben giocata senza sbavature.

Castrovilli 5,5 – Forse il meno lucido del centrocampo viola, qualche tocchetto di troppo. (Dall’85’ Eysseric s.v.).

Igor 6 – Rientra da titolare dopo lungo tempo, regge bene un tempo poi Cuadrado lo mette in difficoltà. (Dal 72’ Biraghi 6 – Entra a squadre lunghe e non ravviva la gara).

Ribery 6,5 – Regista avanzato viola, anche lui in alcuni momenti rallenta il gioco, ma la classe è cristallina (Dal 72’ Kouamé 5,5 – Lo si vede solo per un salvataggio in area, per il resto è buia la notte).

Vlahovic 7,5 – Cucchiaio. E sono 17 gol. Freddo, freddissimo, come in questa stagione è caldo, caldissimo davanti ai portieri avversari.