Il tycoon americano proprietario della Fiorentina Rocco Commisso è tornato a parlare ai media americani, questa volta a lavocedinewyork.com. Queste alcune dichiarazioni rilasciate: “La mia impresa Mediacom è valutata 8 miliardi di dollari, mentre per la Fiorentina ho speso 150/170 millioni di dollari. Una percentuale bassa dei miei affari, ma che ora occupa quasi il 100% delle mie energie. Ho appena iniziato, tutto è nuovo per me. Spero di esser a Firenze il più possibile, di veder più partite che posso. Non ho un piano per vincere: lavorerò duro e sarò onesto con voi, mi spaccherò il culo (“I’ll work my ass off”) per la Fiorentina e poi vedremo quel che succederà. Quando si parla di un piano, di fare un piano generale, prima devi conoscere bene tutta la squadra. Comunicare ad aggiustare le infrastrutture, guadagnare un po’ di tempo. Pensare al centro sportivo, ma tutto questo prende tempo non si può fare in un giorno. E quindi ci fermeremo a riflettere, e vedremo cosa abbiamo raggiunto e organizzato per la prossima stagione. Ecco non posso promettere altro“.

Monte ingaggi alzato

Per aumentare la competività della Fiorentina, Commisso fin dal primo giorno ha annunciato che farà di tutto per alzare il fatturato: ecco allora il viaggio in America e nei punti strategici per far conoscere il brand Fiorentina. Altro punto focale sarà l’innalzamento del monte stipendi della rosa, si passerà dai 37 milioni attuali a quasi 50. Probabilmente per aumentare il fatturato ci sarà il marchio Mediacom sulla maglia viola, ricordiamo nessun sponsor l’anno scorso. Si potrebbe ricalcare il modello Sassuolo quando la Maperi del presidente Squinzi sponsorizzava (con 23 milioni!) il sodalizio neroverde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *