L’Atalanta surclassa il Venezia grazie a una sontuosa tripletta del croato e raggiunte momentaneamente l’Inter al terzo posto. Venezia generoso ma non può nulla.

Mario Pasalic illumina il pomeriggio del Gewiss Stadium e spinge l’Atalanta in alto. Il fantasista croato realizza una tripletta che decide il match contro il Venezia, confermandosi in forma smagliante. Con i tre gol di oggi, l’ex Milan raggiunge i sei gol stagionali. C’è gloria anche per Koopmeiners, che realizza il primo gol con la maglia della Dea.

 

Musso 7: porta immacolata per l’argentino, ma almeno in due occasioni rischia grosso. L’ex Udinese è reattivo e nega al Venezia la gioia del gol.

Djimsiti 6: serata tranquilla, qualche sovrapposizione in attacco e la solita salita sui calcio piazzati (dal 45′ st. Toloi: sv).

Demiral 6: prestazione normale per i suoi standard. Zero miracoli e zero pericoli, solo ordinaria amministrazione. Non è poco (dal 32′ st. Scalvini sv).

Palomino 6: solita partita fisica a guidare in sicurezza la difesa. Un paio di anticipi sugli avanti lagunari e tanto relax.

Hateboer 6: la condizione non è delle migliori nel giorno del suo ritorno in campo dopo mesi, ma gioca con coraggio e si propone spesso per i cross.

Koopmeiners 7: battezza il suo primo gol in serie A con un sinistro al volo che Romero non vedo nemmeno. Roccia olandese.

Pessina 6: svolge un buon compitino in un ruolo non suo a centrocampo. Naviga tra le linee, più di contenimento che di proposizione (dal 17′ st De Roon 6: entra a risultato ampiamente archiviato).

Pezzella 6: partita tutto sommato positiva, anche se non sembra suonare intonato con il concerto nerazzurro. La speranza è che possa essere solo l’inizio

Pasalic 8,5: si è ripreso il suo posto, e i gol ora arrivano a grappoli. Seconda tripletta in serie A e sesto gol in campionato. Gli inserimenti del croato fanno girare la testa ai difensori del Venezia.

Ilicic 7: serata ispirata, soprattutto nella prima metà del primo tempo. Duetta con Pasalic che è un piacere, distribuisce spunti d’autore (dal 32′ st Miranchuk sv).

Muriel 6,5: zero gol, ma due assist per Pasalic che segnano una gara generosa. Gioca per la squadra, come sempre ha fatto. Stasera va bene così (dal 32′ st. Piccoli sv).

 

Gian Piero Gasperini 7: l’Atalanta è tornata la macchina da guerra di Gasp, con un pressing alto anche sul 4-0. Azzeccata l’idea di far rientrare Hateboer, ha messo minuti nelle gambe preziosi e pare già in discreta condizione. Pasalic lo porta al terzo posto, in attesa dell’Inter.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Roma, buone notizie per Mourinho: torna Cristante