Questa sera al Gewiss Stadium di Bergamo andrà in scena una delle più importanti partite della Serie A, una sfida che non ha bisogno di presentazioni per entrambe le compagini alle ricerca dei tre punti, il Milan affronterà il match con due defezioni importanti in attacco.

Atalanta- Milan, la lunga attesa è finalmente finita, dopo il passo falso dello 0-0 contro il Cagliari gli uomini di Stefano Pioli vogliono dimostrare tutto il loro valore compiendo un’impresa importante, ottenere i tre punti in casa di un avversaria che di solito concede poco. Gli orobici, dal canto loro, agguantando la vittoria si posizionerebbero al secondo posto in classifica, occasione ghiotta da non sbagliare, il match promette scintille.

E purtroppo non potrà alimentare le fiamme Ante Rebic che insieme al già noto infortunato Zlatan Ibrahimovic creerà seri problemi di formazione per Pioli che dovrà ancora una volta affidarsi a Rafael Leao alla sua ultimissima occasione per dimostrare di essere un giocatore da Milan, nonostante la decisione già parzialmente presa da parte della dirigenza.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Milan, Leao pronto a partire: sirene inglesi | la situazione 

Il peso dell’attacco

Il peso dell’attacco sarà quindi poggiato sulle fragili spalle dell’esterno portoghese, il classe 1999 che al Milan in due anni ha profondamente deluso potrebbe in una sola serata – da protagonista – sparpagliare le carte in tavola e cambiare il proprio ormai segnato destino.

Che Leao non sia una prima punta, così come anche Rebic, è chiaro ed evidente, nonostante però prima di gennaio i numeri del portoghese fossero incoraggianti, 3 gol ed un assist in 5 presenze e 434 minuti giocati, poi il blackout. Il ritorno di Ibra e l’infortunio lo hanno di certo frenato, ma nonostante quello ha avuto altre 9 occasioni da prima punta senza però realizzare più alcuna rete.

Leao quindi questa sera avrà l’occasione per dimostrare il suo valore, dovrà impegnarsi , cosa che spesso gli viene contestata fare troppo poco, e dovrà cercare di sfruttare la sua velocità per aggredire gli spazi contro un avversario che di solito lascia giocare molto.