Un meteorite si sta abbattendo sull’intero mondo del calcio, una rivoluzione totale i cui sviluppi e soprattutto strascichi dureranno sicuramente ancora per parecchio tempo. Sul tema è entrato a gamba tesa anche il Governo, le dichiarazioni di un politico di fede rossonera stanno facendo discutere sull’intera situazione.

Superlega, continuano le discussioni, si infervorano i tifosi, una situazione irreale destinata a fare parlare ancora per molto tempo gli addetti ai lavori, ma non solo, anche il Governo si sarebbe mobilitato per evitare la nascita – peraltro già avvenuta nella notte tra domenica e lunedì – a voce di Mario Draghi ed Enrico Letta, tifoso rossonero.

Il segretario del Partito Democratico ha voluto commentare la situazione ai microfoni della Gazzetta dello Sport:” Quella della Superlega è un’operazione che snatura l’Europa. L’Europa è diversa dagli Stati Uniti. E’ l’Europa delle 40 capitali diverse che spesso si raggiungono tra loro con mezz’ora di aereo, delle 40 bandiere, delle 40 lingue, delle 40 storie. L’Europa è l’emozione di vedere la maglia a strisce orizzontali del Celtic Glasgow, è seguire le imprese dell’Atalanta e del Leicester, è entusiasmarsi per il fascino di un derby di Lisbona tra Sporting e Benfica, dobbiamo difendere tutto questo“.

Per quanto riguarda il Milan, sua squadra del cuore:” Da tifoso del Milan mi appello al Milan: non faccia questo errore! I club della Superlega riceveranno pure 350 milioni a testa, ma così distruggeranno tutto quello che hanno intorno ed è proprio ciò che sta intorno che alimenta il fascino del calcio“.