san paolo-champions

Negli ultimi tre anni tra la società di Aurelio De Laurentiis e il comune di Napoli c’è attrito, sembrerebbe però che per quanto riguarda la questione stadio le due parti siano arrivate ad una svolta. In settimana il patron azzurro avrebbe inviato una mail pec dove invitava il sindaco De Magistris a formalizzare una convenzione che delegherebbe alla società SSC Napoli, la gestione dell’impianto per cinque anni a partire dalla prossima stagione calcistica.

Questione stadio

Secondo quanto riferisce AdL, il comune dovrebbe ancora una somma intorno ai 4,3 milioni alla società azzurra per dei lavori svolti nella struttura di Fuorigrotta (come l’istallazione dei tornelli e la manutenzione del manto erboso) e di voler acquistare lo stadio. Invece il ‘primo cittadino partenopeo’ aveva affermato che il Comune non doveva nulla e di non aver ricevuto nessuna richiesta da parte del patron del Napoli. Questo tira e molla che si protrae da otre tre anni, come affermato anche dal presidente della commissione sport Carmine Sgambati, non è produttivo per nessuno e che quindi il comune sarebbe pronto a trattare con la SSC Napoli.

Il punto di incontro

In settimana, dopo essere stata riconosciuta la somma che il comune deve a De Laurentiis, è iniziato un dialogo tra le parti che legherebbe il San Paolo al Napoli per i prossimi cinque anni. C’è ancora da superare il gradino economico ma sembrerebbe che stavolta ci sarà una vera svolta. In vista delle Universiadi infatti il comune consegnerà al presidente uno stadio in buone condizioni, poi starà a lui attuare quei famosi ‘lavori di importante restyling’ come ad esempio la rimozione della pista d’atletica, cosa più volte ribadita dallo stesso presidente.

L’accordo prevedrebbe che a De Laurentiis spetterebbero infatti le spese riguardanti i salari del personale e delle forze armate locali durante le partite che si disputeranno in casa ed il comune sarà impegnato nello scontare alla società azzurra le future convenzioni per i disagi che si avranno durante l’anno per la ristrutturazione in vista delle Universiadi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *