Le parole pronunciate da Ranieri nel post-partita di Ferrara sono state chiare. Non ci sono più alibi, se non verrà raggiunta la qualificazione alla prossima Champions League andranno via molti giocatori e cambieranno molte cose. Queste sono le frasi espresse dall’attuale tecnico giallorosso, che parla già da dirigente. Probabile che nella prossima stagione la sua figura non sarà più quella di allenatore ma di dirigente tecnico.

La società, infatti, è alla ricerca di un allenatore e di un nuovo ds per la prossima stagione, l’ennesima rivoluzione e’ alle porte con o senza Champions League. Per il nuovo tecnico il ballottaggio è tra due del nostro campionato che hanno fatto e stanno facendo molto bene, Giampaolo e Gasperini. Il primo è considerato un bravissimo allenatore, ma forse troppo debole caratterialmente e sappiamo quanto conti a Roma essere forti sotto quel punto di vista. Il secondo, invece, deve liberarsi dell’Atalanta, ma ha voglia di intraprendere un percorso con una big. Il sogno giallorosso è Maurizio Sarri, ma da ultime indiscrezioni dovrebbe rinnovare con il Chelsea, se così non fosse le probabilità di vederlo in giallorosso sono basse a causa dell’ingaggio oneroso. L’unica cosa certa è che questa figura deve essere scelta dal presidente, dal vice, dall’amministratore delegato, da Totti e Baldini, tutti devono essere d’accordo su chi ingaggiare.

Per quanto riguarda il ruolo di ds, il favorito sembrerebbe essere Gianluca Petrachi del Torino, che deve liberarsi del contratto che lo lega a Cairo. Oltretutto Petrachi ha un ottimo rapporto con Antonio Conte, quindi chissà se la Roma proverà il colpaccio, chiedendo proprio all’attuale ds granata di fare un tentativo per l’ex CT azzurro. Anche se quest’ultimo ha già fatto capire di non essere interessato a guidare la squadra capitolina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *