L’argomento stadio continua ad essere uno dei temi più importanti nell’ambiente Roma, per quanto concerne soprattutto il futuro del club e della società. A tal proposito è tornato a parlare del progetto il presidente giallorosso James Pallotta, che ha espresso parole di speranza nei confronti dell’impianto, ovvero di poterlo vedere terminato in tre anni, entro il 2023. Il presidente è fiducioso nella realizzazione del nuovo stadio sottolineando che i lavori inizieranno alla fine di quest’anno. Parole rilasciate il 12 MarzoReal Vision, prima del terremoto giudiziario e quindi dell’arresto di Marcello De Vito.

Pallotta ha spiegato il principio del suo arrivo a Roma e nella Roma come investitore passivo, ribadendo che il suo pensiero da allora non è cambiato cioè far diventare Roma e la Roma “a global mark” un marchio globale. Ha continuato dicendo che la società ASRoma al momento del loro acquisto era in grave difficoltà finanziaria, perchè i precedenti proprietari avevano fatto sicuramente un ottimo lavoro sotto il punto di vista del campo e della costruzione di organico della rosa ma che a loro volta avevano accumulato grandi quantità di debito. Il loro lavoro, il suo e di altri imprenditori americani è stato veramente importante e duro per far sì che le cose cambiassero. Il desiderio principale del numero uno giallorosso è quello legato allo stadio, dato che come ha sottolineato spesso e volentieri loro, gli americani, sono stati i “samaritani” del club salvandolo dalla crisi finanziaria. La speranza e la volontà del presidente giallorosso è che i politici non mandino tutto all’aria e che il via libera definitivo arrivi entro Maggio.