Al termine della gara ad alta tensione contro il Cagliari, terminata poi 1 a 1, con le reti di Joao Pedro su calcio di rigore, e l’autorete di Ceppitelli per quanto riguarda i giallorossi, più di qualcosa è andato nel verso sbagliato. La rabbia per l’annullamento del gol segnato allo scadere da Kalinic ha generato una serie di polemiche, culminate poi con le parole del direttore sportivo giallorosso, che preso dalla rabbia del momento, si è lasciato andare a dichiarazioni dai contenuti assai superficiali e privi di professionalità.

“Il calcio è uno sport maschio, non adatto alle signorine.” Queste le parole che hanno messo in cattiva luce Petrachi, che però non ha tardato a scusarsi per questa uscita infelice.

Le scuse del dirigente giallorosso

Come precedentemente detto, le scuse di Petrachi sono arrivate veloci come un fulmine. La rabbia per la mancata convalida della rete del momentaneo vantaggio romano ha certamente annebbiato il giudizio dello stesso, che ha in seguito detto:”Non volevo affatto insinuare che il calcio non fosse adatto alle donne, e mi scuso se qualcuno si è sentito offeso dalle mie parole, non era mia intenzione offendere, ma bensì sottolineare che il calcio è uno sport di fisico, di contatto. Siamo infatti orgogliosi di promuovere il calcio femminile con la nostra squadra.”