di francesco-roma

Dopo tre giornate di campionato è arrivata la prima sconfitta dei giallorossi contro il Milan di Rino Gattuso, sconfitta maturata nel secondo tempo è arrivata praticamente nell’ultimo giro di orologio grazie alla rete di Patrick Cutrone assistito perfettamente dal pipita Gonzalo Higuain.

Roma: bocciato il nuovo modulo

I giallorossi hanno iniziato il match con un insolita difesa a tre composta da Manolas, Fazio e Marcano che hanno mostrato già dai primi minuti amnesie sia nel difendere che nel creare gioco da dietro. Ma generalmente tutta la Roma con questo 3-4-1-2 è sembrata senza logica e senza identità di gioco. Il Milan è sembrato molto più collaudato a livello tattico e molto più pronto a livello fisico infatti molti giocatori della Roma sono sembrati proprio fuori condizione. La squadra è sembrata molto più a proprio agio quando nel secondo tempo il tecnico abruzzese è passato al 4-2-3-1, inserendo El Shaarawy al posto di Marcano.

Le parole del mister giallorosso

Le parole di Eusebio Di Francesco al termine della partita sono state chiare, infatti ai microfoni di Sky ha spiegato quanto di male sia stato fatto specialmente nei primi 45 minuti, regalando effettivamente un tempo ai rossoneri, come accaduto all’Olimpico contro l’Atalanta, per quanto riguarda il 2 a 1 ha parlato di ingenuità da parte dei suoi calciatori causa della mancanza di lucidità, ma nel calcio sono cose che possono capitare a volte a favore altre volte a sfavore.

Poi ha spiegato il passaggio alla difesa a 4 nel secondo tempo, trattasi di una scelta per dare maggiore sicurezza ai propri giocatori e di fatto la squadra è migliorata sotto l’aspetto del gioco. Di Francesco ha voluto sottolineare la mancanza di compattezza a livello difensivo paragonandola a quella dello scorso anno. La costruzione della manovra è lenta a causa della mancanza di freschezza sia fisica che mentale, concludendo che ai suoi giocatori manca ancora qualcosa.