Dopo la brutta sconfitta di Bergamo, in casa Parma c’è voglia di riscatto. Mentre i giocatori di allenano in vista della partita di domenica, in società si discute il rinnovo del direttore Daniele Faggiano.

I dettagli:

La nuova società composta dagli imprenditori parmigiani non sembra avere dubbi: si continuerà con Faggiano per dare continuità ad un progetto partita oramai dalla Lega Pro e che fino ad ora sembra funzionare.

La voglia c’è per entrambe le parti: il direttore ha dichiarato più volte che si è instaurato un vero e proprio rapporto di amicizia con la società, e che le offerte che sono arrivate non le ha mai prese in considerazione. Sembra quindi solo questione di giorni e poi i tifosi potranno avere la certezza che ci sarà una continuità importante anche in dirigenza.

Fino ad ora, il lavoro svolto dal direttore ha dato i suoi frutti: 2 promozioni e diversi colpi interessanti, fra tutti gli acquisti a sorpresa di due veterani come Gervinho e Bruno Alves.

Durata del rinnovo:

Per ora ancora non sappiamo  quanti anni di rinnovo la società proporrà: dalle parole di Faggiano si intuisce però che non si voglia puntare su rinnovi molto lunghi, ma è preferibile legarsi per 2/3 anni. Il suo contratto attuale scade nel 2019, ma a breve sarà allungato presumibilmente sino al 2022.

In questi casi il problema è spesso la volonta delle parti, che in questo caso sembra invece esserci, proprio per questo non troveranno problema sulle cifre e sulla formula.