Il divorzio tra Francesco Totti e la Roma oltre ad aver causato pensieri discordanti tra tifosi giallorossi e non, avrà conseguenze anche sul “merchandising”. Di questo ha parlato all’Agenzia Dire, Marcel Vulpis, direttore dell’agenzia Sporteconomy.

Le conseguenze sul merchandising saranno causate dal fatto che la società capitolina dal 1 Luglio 2019 non potrà più vendere le magliette con il nome Totti, quest’ultimo a sua volta non potrà più utilizzare i canali ufficiali della squadra che lo ha visto protagonista per ben 30 anni. Tirando velocemente le somme questo addio improvviso avrà ripercussioni importanti soprattutto a discapito del club giallorosso, dato che la maglia numero 10 con il cognome Totti è da sempre quella più venduta in Italia e all’estero.

Il sopracitato direttore Marcel Vulpis ha aggiunto alle sue dichiarazioni che attualmente l’ex-capitano giallorosso è un personaggio che fa vendere, magari non come in passato ma comunque fa vendere. L’ormai ex-dirigente giallorosso potrebbe anche creare un marchio di sua proprietà.