Nella giornata odierna il Napoli ha fatto recapitare le prime raccomandate ai giocatori per via dell’ammutinamento dopo la partita di Champions League con il Salisburgo. Il fatto ha indignato la società partenopea a tal punto da prendere dei provvedimenti.

Cos è accaduto

Durante la sera del 5 Novembre i calciatori del Napoli, dopo la partita di Champions League giocata contro il Salisburgo al San Paolo finita per 1-1, hanno deciso di non rispettare il ritiro a Castel Volturno tornandosene ognuno a casa propria. Scelta che ha fatto infuriare la dirigenza azzurra, che si è vista costretta a prendere dei provvedimenti.

Le multe

I giocatori che più sono stati colpiti da tale provvedimento sono stati Lorenzo Insigne e Allan, i quali dovranno pagare una multa pari al 50% del loro stipendio mensile lordo, che per il giocatore brasiliano corrispondono a circa 200 mila euro, mentre per il capitano partenopeo circa 350 mila euro. I due calciatori parrebbero essere i principali oppositori al ritiro dettato dalla dirigenza, influenzando anche il resto della squadra. Mentre il resto dei giocatori dovrebbero pagare una multa pari al 25% del loro stipendio lordo, ma per ora non si hanno particolari informazioni sui pochi che hanno ricevuto la multa finora. Alle raccomandate è stata richiesta la partecipazione del Collegio arbitrale per tutelare le sanzioni di risarcimento nei confronti del club.