La situazione economica del Milan è in netto miglioramento. Stando alle ultime indiscrezioni, il club sarebbe prossimo all’ennesimo cambio al vertice e le principali voci di bilancio, oltre ad essere state attentamente analizzate durante la due diligence effettuato dal Gruppo Arnault, rappresentano un serio indicatore di quale strada stia prendendo attualmente il club.

Si riduce il passivo

Nonostante il forte impatto negativo dovuto alla situazione di emergenza legata al Coronavirus, il Milan al 30 giugno registra conti decisamente migliori rispetto al passato, il passivo infatti passa dai 146 milioni dello scorso anno agli attuali 100 milioni comprensivo – come detto – dei 20 milioni dovuti alla pandemia che ha causato mancati incassi dalla biglietteria e tutto quello che concerne i ricavi di Casa Milan. Oltre a questa buona notizia, il Milan è l’unica delle big del campionato a non avere debiti di natura obbligazionaria sui mercati finanziari, un vero segnale di quanto bene stia facendo la proprietà americana dal lato economico. Ricordiamo che finora il fondo Elliott è intervenuto con una cifra superiore ai 600 mila euro per risanare le casse del Milan che proprio così bene non erano state lasciate dalle scellerate gestioni precedenti.