Il Milan di Giampaolo stecca la prima partita, al suo debutto non riesce ad andare oltre l’ 1-1 in casa contro il Novara di Simone Banchieri al suo esordio sulla panchina piemontese. Il Milan scende in campo all’insolita ora delle 10.30 con la formazione titolare della passata stagione ad eccezion fatta di Brescianini a centrocampo. Il tridente d’attacco è composto da Suso e Castillejo a supporto di Piatek. Assente il neo acquisto Krunic ed il rientrante Andrè Silva, per loro lavoro personalizzato. Un sonnolento primo tempo manda tutti negli spogliatoi sullo 0-0. Nella ripresa Giampaolo da’ il via ad una serie di cambi per provare più profili in diverse posizioni del campo, ma il gol non arriva, anzi a sorpresa sono gli ospiti a passare in vantaggio con Matteo Stoppa su rigore. Il classe 2000 è freddo nell’occasione a bruciare Donnarumma. A salvare i rossoneri dalla prima sconfitta e da una figuraccia ci pensa Theo Hernandez che subentrato nella ripresa trova un gol capolavoro con un gran tiro dalla distanza. Il neo acquisto rossonero era parso fin da subito uno dei giocatori più in forma e non ci ha messo molto nel dimostrarlo con una pregevole conclusione che trafigge l’incolpevole portiere avversario a pochi minuti dal triplice fischio.