Clamorosi retroscena stanno venendo fuori inerenti il periodo appena dopo l’esonero di Giampaolo dalla panchina del Milan. Il direttore di Telelombardia Fabio Ravezzani, molto legato a tutto quello che gravita intorno al Milan, avrebbe svelato un retroscena di cui nessuno al momento sembra a conoscenza, ovvero il capitano Alessio Romagnoli si sarebbe fatto portavoce della squadra per avallare e richiedere il ritorno in rossonero di Rino Gattuso confrontandosi con Paolo Maldini. Innegabile ed evidente come la squadra fosse legata all’ex tecnico calabrese con il quale lo scorso anno svanì veramente per un soffio la qualificazione in Champions League. La decisione della dirigenza però, come ben sappiamo, fu un’altra ed il volere dei giocatori non venne ascoltato preferendo Stefano Pioli, considerato il profilo idoneo per la ripartenza della squadra.

Gazidis propose Puel

Ci fu una spaccatura all’interno della dirigenza rossonera, oltre ai nomi di Pioli e Spalletti, venne valutato anche un altro nome, fortemente caldeggiato dall’Ad Ivan Gazidis ossia Claude Puel, attualmente al Saint Etienne in Ligue 1. il tecnico aveva ben impressionato il dirigente milanista ai tempi della Premier League ed era il candidato preferito dal manager per la panchina rossonera. Alla fine tra Puel e Pioli vinse il tecnico parmigiano probabilmente perchè serviva un allenatore “già pronto” e conoscitore del calcio italiano al fine di far immediatamente ripartire la squadra, cosa che purtroppo al momento non si è vista complice anche un calendario sfavorevole ai rossoneri.