E’ sicuramente una delle sorprese più belle di questo campionato, a sorridere è il Milan che si gode il suo talento di Pierre Kalulu. Arrivato in punta di piedi a parametro zero in seguito ad un’eccezionale intuizione di Paolo Maldini – uno che di difensori se ne intende – il giovane classe 2000 nato a Lione ha saputo pazientemente aspettare il suo momento allenandosi da serio professionista, a dire il vero già durante alcune amichevoli di pre campionato si era intravisto un certo talento.

Può giocare dappertutto

Non ha di certo mostrato timori nè tentennamenti nel momento in cui è stato chiamato dal tecnico Pioli a coprire un ruolo diverso dal suo abituale, da terzino destro ha dovuto sopperire la mancanza di Kjaer al centro della difesa dimostrando di saperci assolutamente fare anche su quella mattonella.

Quello che colpisce, oltre ovviamente alla serietà, è la sua grande duttilità unita ad un’ottima facilità di corsa, nel sovrapporsi, nel capire le situzioni e venirne fuori con innata eleganza. I numeri finora mostrati non sono comuni a tutti, siamo di fronte ad un giocatore dalle enormi potenzialità, un talento da fare crescere, ma che è già consapevole dei propri mezzi. Un colpo in prospettiva che siamo certi diventerà qualcosa di importante, ancora una volta Maldini ha visto giusto.