Ore frenetiche queste per il futuro dell’Amministratore Delegato Ivan Gazidis dopo una settimana di certo non tranquilla in seguito alla nascita della Superlega, progetto poi affossato nel giro di 48 ore. Gli strascichi sono proseguiti e probabilmente proseguiranno ancora a lungo, in giornata però sarebbe stata presa la decisione per il manager rossonero.

Milan, sono stati cinque giorni di certo burrascosi dovuti alla nascita della Superlega nella notte tra domenica e lunedì, operazione che ha di fatto tentato di rivoluzionare il calcio, ma che però nel giro di sole 48 ore ha visto il suo fallimento. Un ruolo chiave lo hanno avuto i Club Fondatori tra cui il Milan che tramite l’Amministratore Delegato Ivan Gazidis è stato promotore di questa competizione insieme alle altre italiane Juventus ed Inter oltre ovviamente a tutti gli altri club europei.

Lo stesso Gazidis sarebbe in questi giorni nell’occhio del ciclone,  Paolo Maldini infatti nell’immediato pre gara contro il Sassuolo aveva rilasciato un’intervista davanti ai microfoni di Sky denunciando il fatto di non essere stato minimamente avvisato e di essere venuto a conoscenza della Superlega solamente il lunedì mattina come tutti gli altri. Parole evitabili probabilmente, soprattutto per il timing con le quali sono arrivate, ma che hanno reso un evidente segnale dell’aria che tira in questi giorni in Via Aldo Rossi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Milan, scontro con Maldini: Gazidis verso le dimissioni

Confronto acceso e decisione su Gazidis

Nella giornata di lunedì, in occasione dell’allenamento dei giocatori, ci sarebbe stato un confronto acceso tra Maldini e Gazidis, il manager africano aveva infatti intenzione di parlare alla squadra spiegando le motivazioni che avevano portato a suppoortare la Superlega, il Direttore Tecnico invece aveva deciso di non coinvolgere i ragazzi per tenere distanziate questioni societarie con quelle di campo.

A tal proposito si erano vociferate le dimissioni dello stesso Gazidis, una mossa del tutto clamorosa che aveva infatti preso tutti alla sprovvista obbligando di conseguenza la proprietà Elliott ad incontrare il manager con urgenza. Stando quindi alle ultime indiscrezioni trapelate, Ivan Gazidis non sarebbe a rischio dimissioni, il fondatore del Fondo Elliott Paul Singer si era speso in prima persona per avere il manager e di fatto non sarebbe in alcun modo disposto ad accettare una simile decisione.

Avanti con Gazidis, l’intenzione nel breve termine sarà quella di riappacificare i due dirigenti per il bene del Milan e per proseguire una strada intrapresa che peraltro ha portato alcuni frutti, su questo il fondo Elliott è stato chiaro e categorico, l’assett manageriale non verrà variato.