Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro segreto con Mino Raiola, la dirigenza rossonera ha accolto in Casa Milan il famoso procuratore per discutere sui rinnovi di Gianluigi Donnarumma in primis, ma anche di Alessio Romagnoli, scadenza non urgente avendo il contratto in scadenza nel 2022, ma tema comunque affrontato.

Tralasciando le questioni legate a Gigio – la nostra opinione ormai da alcuni tempi è che Donnarumma rinnoverà con il Milan – soffermiamoci all’altra questione, ovvero quella legata al capitano.

Importanti richieste

Come detto, il contratto di Alessio Romagnoli scadrà nel 2022 e la dirigenza rossonera si sarebbe appunto incontrata con Raiola per capire quali potessero essere le sue richieste, siccome già un mese fa erano trapelate cifre che avevano indotto a qualche riflessione. Ebbene, al momento sembra tutto confermato, Mino Raiola chiede un rinnovo di contratto non inferiore ai 5 milioni di euro con l’introduzione di una clausola rescissoria.

La dirigenza quindi pare essere stata messa alle strette e soprattutto dovrà capire fino a che punto Romagnoli possa valere i 5 milioni richiesti, vero è il capitano, ma è altrettanto vero che il processo di crescita tanto auspicato al momento non si è visto. Per intenderci, la dirigenza potrebbe non considerare Romagnoli un top player e di conseguenza fare altre valutazioni.

Al momento è assolutamente prematuro fare queso tipo di ipotesi e non possiamo fare altro che raccontare ciò che è accaduto durante il blindatissimo incontro, di tempo ce ne sarà per limare i dettagli e cercare di abbassare le richieste del procuratore italo-olandese, Maldini e Massara considerano eccessivi i 5 milioni voluti e soprattutto sarebbero contrari alla clausola rescissoria. Attendiamo sviluppi.