La sconfitta con l’ Inter oltre a portare in dote l’ ennesima sconfitta contro una big del campionato, porta con se anche una piccola emergenza infortuni, soprattutto a centrocampo.

Uomini contati

Situazione ingarbugliata per quanto riguarda la situazione infortuni in casa Lazio, soprattutto il centrocampo è stato falcidiato da molte defezioni. Il nuovo infortunio capitato a Milan Badelj è l’ennesima tegola su Simone Inzaghi, in estate il centrocampista Croato era stato acquistato, a parametro zero, proprio per dare una valida alternativa a Lucas Leiva, anche lui infortunato, ne avrà per un mese, dovrebbe tornare dopo la sosta. Purtroppo si è visto pochissimo in azione, ha giocato pochissimo, un po per scelta tecnica dovuta alla condizione fisica mai accettabile, dovuta anche al mondiale giocato con la Croazia, poi i vari infortuni che ne hanno minato la presenza in campo. Ed ora che serviva la sua presenza per sostituire il Brasiliano si dovrà fare a meno anche di lui. A loro si aggiunge la scarsa condizione di Valon Berisha che non ha mai potuto esprimere il suo valore a causa anche lui di vari infortuni che non gli permettono ancora di essere al 100%. Non dimentichiamoci poi di Durmisi che appena sembrava essere in forma si è dovuto fermare per una lussazione al gomito.

Occasione per i giovani

Questa situazione di emergenza puó far tornare alla ribalta i giovani Cataldi e Murgia. I due centrocampisti romani e laziali scalpitano per dimostrare di valere questa maglia. Il primo dopo aver girovagato per due anni in prestito sembra tornato più maturo e pronto a giocarsi un posto in squadra, con l’ Inter è entrato in campo con buon piglio ed è sembrato l’ unico in grado di voler fare qualcosa in più. Alessandro Murgia invece dopo aver giocato con buona frequenza lo scorso anno ed aver contribuito alla vittoria sulla Juventus in Supercoppa Italiana con il suo gol allo scadere. Sembra essere uscito un po dai radar di Inzaghi in questa stagione, il tecnico Piacentino lo ammira molto ma sembra tenerlo poco in considerazione quest’ anno, forse ora potrebbe tornare ad affidarsi a lui.

Possono scalare gerarchie

Dal momento in cui verranno impiegati in una situazione di emergenza chissà che poi non riescano a consacrarsi e a togliere il posto ai veterani ed entrare in pianta stabile nelle rotazioni di squadra, chissà che questa emergenza non riporti alla ribalta proprio loro che Roma e la Lazio ce l’hanno nel cuore.