Lazio

Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della S.S. Lazio, si è espresso con un lungo post pubblicato sul suo “Taccuino Biancoceleste” su Facebook riguardo la possibile sospensione definitiva del campionato.

Il portavoce della società capitolina afferma quanto segue : “le polemiche per spiegare che il legittimo interesse della Lazio a finire regolarmente il campionato non nasce dalla pretesa di vincere lo scudetto a tavolino, ma solo dalla speranza di poterlo conquistare sul campo e per rilevare come questo interesse abbia la stessa legittimità di quello di chi vorrebbe annullare il campionato in corso o per avere lo scudetto d’ufficio e potersi dedicare solo alla Champions o per evitare una rovinosa retrocessione”.

Successivamente, passa poi a spendere parole di difesa nei confronti del Presidente delle “Aquile Biancocelesti”, Claudio Lotito, dichiarando che esso viene descritto “non come un imprenditore che ha costruito negli anni una società sana ed una squadra competitiva recuperandola da una condizione drammatica e fallimentare, ma una sorta di diavolo del calcio nazionale che si permette di mettersi di traverso ai potenti”. 

Nelle sue parole troviamo, secondo quanto riportato dal quotidiano “Tuttosport”, anche un attacco diretto al Ministro Spadafora  parlando di “un inconsapevole ministro che non conosce il ruolo del calcio nell’economia e nell’immaginario collettivo del Paese”. Peraltro il Ministro aveva già espresso notevoli dubbi sulla ripresa del massimo campionato calcistico per i primi giorni di maggio. Il dibattito sempre più acceso è destinato a continuare a lungo….