Kean-Juve

La Juve batte l’Empoli e consolida il suo primato in classifica. I bianconeri riescono a vincere una partita complicata grazie alla rete del solito Moise Kean. Se non volete incorrere nella rabbia di Allegri, occhio però a chiamarlo fenomeno!

La filosofia di Max

Minuto 70: il boato dello Stadium accompagna l’entrata in campo del baby attaccante, con la sensazione che qualcosa stia per accadere. Sensazione che diviene certezza al minuto 72 quando il n. 18 bianconero, sfruttando un assist delizioso di Mandzukic, infila con un destro secco Dragowski, facendo esplodere il pubblico dell’Allianz.

Ma perché attendere 70 minuti per vedere in campo un giocatore così in forma, considerando l’assenza di Cristiano Ronaldo e l’infortunio di Dybala nel pre-gara? Si apra il dibattito! Allegri sta adottando la stessa strategia impiegata con tutti i giovani che ha allenato. Dybala inizialmente veniva utilizzato con il contagocce (indimenticabile la bacchettata di Zamparini, che accusava il tecnico di essere la rovina della Joya). Anche Bernardeschi ha vissuto la stessa parabola dell’argentino. Piaccia o meno, questa è la filosofia di Allegri. Vero è che con 15 punti di vantaggio, in casa contro l’Empoli, non serviva tanto coraggio per schierare dall’inizio un giocatore capace di segnare 5 gol nelle ultime 5 partite. D’altronde un’eccessiva protezione potrebbe nuocere ad un ragazzo di diciannove anni voglioso di mettersi in mostra. In Europa, come ci insegna l’Ajax, le società non hanno paura di buttare nella mischia giovani talentuosi.Mentre Allegri, negli anni, ha dimostrato di voler far maturare i giovani piano piano. Scelta giusta o sbagliata? Ai posteri l’ardua sentenza…

il treno Spinazzola parte in ritardo

Lo stesso discorso vale per Spinazzola. L’esterno sinistro si trova in uno stato di forma strepitoso, come dimostrato anche martedì sera in Nazionale. La partita dello Stadium contro l’Atletico ha infuso nel ragazzo una grande convinzione dei propri mezzi. Allora perché non schierarlo dal primo minuto? Anche qui probabilmente torna l’allegrismo e la sua filosofia del non voler bruciare le tappe.

La settimana d’oro di Kean

Kean termina una settimana pazzesca: esordio con due reti in due partite con la Nazionale e gol vittoria contro l’Empoli. Allegri non vuole sentire troppi complimenti, ma se il gioiellino bianconero continua con questo score sarà difficile accontentare il tecnico. Con queste entusiasmanti prestazioni, i tifosi saranno in grado di sopportare meglio l’infortunio di CR7 che potrà così riposarsi tranquillamente e recuperare per le notti europee… dove la gioventù da sola spesso non basta, ma deve essere coadiuvata dalla classe e dall’esperienza.