Molte volte quando si parla di calcio restano impresse nell’immaginario collettivo, serate magiche ed imprese memorabili. Purtroppo però ci sono anche alcune pagine nere, che vorremo solo poter cancellare, ma che invece restano lì, marchiate a fuoco nella memoria comune,con un eterno ricordo degli errori commessi e a un doloroso promemoria per non commetterne più. Uno dei casi più eclatanti e sofferenti è quello che riguarda la triste sera del 29 maggio 1985.

Nella capitale belga di Bruxelles si gioca la finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Il teatro di gioco è lo stadio Re Baldovino, ribattezzato Heysel nel secondo dopo guerra. Questa designazione desta molte perplessità: come potrebbe quell’impianto fatiscente e antiquato contenere la distruttiva furia degli hooligans inglesi? Infatti quella scelta costò la vita di 39 persone.

Succede tutto circa un’ora prima del fischio d’inizio. Un gruppo di tifosi del Liverpool carica quelli che risiedevano nel Settore Z, destinato ai tifosi italiani non organizzati e ad alcuni neutrali. L’irruenza degli inglesi porta un gruppo di persone ad ammassarsi contro il muro che però non riesce a reggere il troppo peso e quindi cade di schianto.Si capisce subito che la situazione è gravissima: a fine serata il bilancio sarà di 39 vittime, 32 italiani, 4 belgi, 2 francesi e un irlandese.

Comunque, nonostante questa tragedia l’ Uefa e la polizia belga decisero di far giocare lo stesso la finale, che inizierà con più di un’ora di ritardo. Così in un’atmosfera surreale è la Juventus ad imporsi per 1-0 grazie al gol realizzato su calcio di rigore dal francese Michel Platini. I bianconeri si portano a casa la prima Coppa dei Campioni della loro storia, ma la gioia per il trionfo viene oscurata dal cordoglio per le vite andate perdute in quella maledetta sera.

Un “pensiero indelebile”, anche a 34 anni di distanza. La Juventus ricorda sul proprio sito internet “una delle più orribili tragedie che abbiano mai colpito il mondo dello sport” e si stringe attorno alle famiglie dei 39 morti dell’Heysel, “vittime innocenti di una follia senza spiegazioni”.

Ecco la nota del Club:

E’ un pensiero indelebile, che ci accompagna tutto l’anno, ma che oggi, 29 maggio, si amplifica ancora di più. A 34 anni di distanza da una delle più orribili tragedie che abbiano mai colpito il mondo dello sport, la Juventus si stringe fortemente attorno alle famiglie delle 39 vittime innocenti di una follia senza spiegazioni.

In quel maledetto 29 maggio 1985 l’attesa di un momento assoluto di festa sportiva, come la finale di Coppa dei Campioni tra i bianconeri e il Liverpool allo stadio Heysel di Bruxelles, si trasformò in un incubo che ha segnato per sempre la nostra storia e quella di 39 famiglie.

A loro, in questo giorno di memoria, va il nostro più grande abbraccio. Perchè da quel maledetto 29 maggio 1985 il ricordo delle 39 vittime dell’Heysel non ha mai smesso di vivere nei nostri cuori.