Dopo le due gare di campionato a digiuno di gol, Cristiano Ronaldo ha preso una decisione importate, ma condivisibile. Sembrerebbe aver rifiutato di giocare le prossime due partite con il suo Portogallo: la prima in amichevole con la Croazia e la seconda, il 10 settembre, proprio con l’Italia, gara valida per la National League.

Il portoghese, infatti, vuole dimostrare sin da subito la sua professionalità e, amareggiato anche per la sua astinenza da gol, vorrebbe concentrarsi solo sull’ambiente Juve. Da sempre ha dimostrato dedizione al proprio ruolo lavorativo, allenandosi più degli altri giocatori e non solo, ed è proprio per questo che vuole trovare la forma top il prima possibile per cercare di condurre la squadra alla vittoria.

Come Higuain

La stessa dinamica avvenne con Higuain al suo arrivo in bianconero, ma la situazione era leggermente diversa: l’argentino era fuori forma e aveva bisogno di recuperare la stessa il più velocemente possibile, dunque dovette necessariamente saltare le partite con la nazionale; per Ronaldo la situazione è diversa: ha già raggiunto una ottima forma (grazie anche ai suoi allenamenti fuori dall’ambito calcistico) ma, da grande campione, ha bisogno di massima concentrazione e dedizione per dare il meglio di sé.

Di fatto non è ancora ufficiale bensì ufficioso: sembrerebbe che la società di Torino sia già a conoscenza di ciò e che abbia avallato pienamente questa scelta, apprezzandola.