Rotonda vittoria della nazionale italiana nella gara d’esordio di Euro 2020 conto la Turchia. Vediamo cosa è successo.

Passano 22 lunghi minuti prima che l’Italia disturbi Cakir con un tiro in porta: lo fa Chiellini con un colpo di testa su angolo di Insigne. L’Italia voga con volontà ma i turchi marcano Jorginho e costringono i nostri centrali a sostituirlo nell’impostazione con risultati imbarazzanti. Comunque gli azzurri comandano il gioco seppure senza costrutto, i turchi stanno stretti stretti e fanno grande densità in mezzo rendendo vani i tentativi di dialogo degli italiani che trovano qualche tiro forzato con molta fatica. Al minuto 33 Burak Ylmaz ci spaventa con una dirompente azione sulla sinistra conclusa con un cross pericoloso che Donnarumma respinge con prontezza.

Se l’efficacia della nostra azione fosse pari all’entusiasmo di Fabio Caressa avremmo già vinto la partita ma così non è, almeno a quel momento. Dunque il primo tempo se ne va tra frustrazione per non riuscire a trovare il bandolo della matassa e inesistenti rigori reclamati.

Tutta un’altra partita

Passano pochi minuti del secondo tempo e il riconoscente Demiral  ricorda di essere ospite del nostro paese deviando goffamente in porta un cross di Berardi. Tutta un’altra partita da questo momento in avanti: i turchi alzano gli esterni e spostano in avanti il baricentro della squadra alla ricerca del pareggio. Musica per le orecchie di Barella e compagni che ora hanno finalmente gli spazi per far valere la loro superiore cifra tecnica. A completare l’opera ci pensa il nostro amico Cakir che prima respinge centrale favorendo il tap-in di Immobile per il 2-0 e poi sbaglia il rinvio che favorisce l’azione del bel gol di Insigne per il 3-0  finale.

Insomma primo tempo complicato sul piano tattico e condizionato dall’ansia da prestazione e che conferma la mancanza di un uomo guida in questa nazionale. Buono, fortunato ma anche brillante il secondo tempo. Aspettiamo adesso la Svizzera e, soprattutto, gli altri più severi esami che ci attendono godendoci questa rotonda vittoria della gara d’esordio.