Nonostante il mondo del pallone sia fermo ormai da diverse settimane causa l’emergenza globale del Coronavirus, Zlatan Ibrahimovic ha potuto effettuare un test a Stoccolma tra le fila dell’ Hammarby, club di cui è azionista di minoranza presso il quale è solito in queste giornate ad andarsi ad allenare. In Svezia infatti gli allenamenti non sono vietati pertanto lo svedese ne ha approfittato per mantenersi in forma oltre che con gli esercizi comunicati dalla società Milan tramite call conference, anche con il pallone tra i piedi.

Subito in gol

Il bomber rossonero è sceso oggi in campo contro il Frej alla Tele2 Arena col suo Hammarby, un’amichevole rigorosamente giocata a porte chiuse. A pochi minuti dall’inizio il guizzo culminato da una rete di opportunismo, come solo i grandi attaccanti sanno fare, nonostante l’età. Il suo rapporto con il gol si mantiene sempre molto buono, così come lo dimostrano le 4 reti in 10 partite realizzate nella nostra Serie A con il Milan da quando è sbarcato a Milano a gennaio.

L’intervista nel post gara

Le mosse di Ibrahimovic fanno sempre notizia, in Italia così come in Svezia, pertanto al triplice fischio troppo ghiotta è stata l’occasione per avvicinarlo e fargli qualche domanda in merito al suo futuro. Lo svedese non ha rilasciato troppe parole, un po’ affaticato ed un po’ volutamente, non è senz’altro apparso un piacevole chiacchierone, ma ha comunque voluto ribadire che ha un contratto con il Milan e vedrà se e quando il campionato in Italia terminerà. Le sue intenzioni sono quelle di giocare a calcio il più a lungo possibile, ma è consapevole che non si può sapere cosa potrà accadere da qui alla fine della stagione.