In occasione del match amichevole tra Argentina ed Iraq terminato 4-0 per l’Albiceleste, il capitano della Fiorentina German Pezzella, dopo aver segnato il goal del momentaneo 3-0, ha deciso di esultare mimando il segno 13 con le mani, in ricordo dell’ex amico nonché compagno di squadra Davide Astori. Le altre tre reti sono state messe a segno da Lautaro Martinez, Pereyra e Cervi.

In dieci valgono circa 320 milioni

Solo a vendere questi la Fiorentina potrebbe rifare tutta la squadra. Stiamo parlando di dieci giocatori che, tra chi arrivati con qualche dubbio sul suo conto e chi ancora troppo giovane, sono riusciti a farsi ricredere.

Partiamo da Simeone e Chiesa, con il primo che ha una valutazione sui 60, mentre quella del secondo si avvicinerebbe ai 100; a centrocampo, Veretout e Benassi costano rispettivamente 40 e 20 milioni e anche in difesa i pezzi pregiati non mancano. Infatti, se per Vitor Hugo sono stati rifiutati circa 18 milioni da due club europei, lo stesso era accaduto per Pezzella, dove solo questa estate ad offrire 20 milioni ci ha pensato un certo Borussia Dortmund; per Biraghi, invece, si starebbe scatenando un derby tutto milanese tra Milan ed Inter, con il costo che si aggira intorno ai 20 milioni di euro.

Quello che però avrebbe attirato più attenzione dei top club d’Europa, tra cui ultimo il Manchester United di Mourinho, è senza dubbio Milenkovic, il quale ha una valutazione di 40 milioni. Per quanto riguarda i giovani, Castrovilli – attualmente in prestito – e Hancko valgono già complessivamente 18 milioni, 8 per il primo e 10 per il secondo.

Adesso sta a loro, soprattutto ai primi otto, decidere se rimanere o no a Firenze, dopo che l’ultima sessione di mercato hanno rifiutato tutto il possibile.

45 anni fa nacquero gli ‘Ultras’

il 12 ottobre 1973, esattamente 45 anni fa, nacque il club degli ‘Ultras’, durato poi solo 10 anni fino al 1983, per lasciare spazio a Unonoveduesei, 7 Bello, Vieusseux e soprattutto al Collettivo, nato nel ’78 e sciolto nel 2011.