Giancarlo Capelli "Il Barone" Maldini Milan Champions League

Giancarlo Capelli, alias “il Barone”, uno dei leader storici della curva sud rossonera, è stato raggiunto dalla redazione di CalcioStyle.it per parlare della sorprendente vittoria del Milan per 4-2 ai danni della Juventus. Di seguito l’intervista completa.

Face to Face con il Barone

Un Milan pazzesco ieri sera ha travolto la Juve.

Dopo la partita di ieri il tifoso rossonero non può che essere felice; un gran bel risveglio quello di oggi. Dopo un pareggio e 4 vittorie arrivate contro squadre di un certo calibro come Lazio, Roma e Juventus il Milan ha confermato di essere una squadra e che si è creato un certo feeling tra giocatori e allenatore. Ieri sera nessuno mai avrebbe potuto credere che i rossoneri potessero battere la capolista, ma è successo e devo dire che abbiamo meritato la vittoria.

Merito di Pioli?

Non sono mai stato un suo estimatore ma devo ammettere che con questi ragazzi ha fatto un gran bel lavoro. Pioli è arrivato al Milan in punta di piedi e in silenzio ha lavorato senza tregua; è un gran professionista. I giocatori sono dalla sua parte e i risultati lo confermano. Se ci fosse stato lui al posto di Giampaolo a inizio stagione, molto probabilmente adesso il Milan era quarto in classifica.

Che ruolo ha Ibrahimovic in questo Milan.

Zlatan è un grande noi rossoneri abbiamo la fortuna di averlo in squadra con noi. Quando c’è lui in campo la squadra gira molto meglio e devo dire che sbagliano poco. Lui sembra quasi il professore e gli altri i suoi allievi. Nonostante la sua età non più giovane credo che lo svedese abbia ancora molto da dare a questa squadra. Gli avversari lo temono, e non poco, e questo vuol dire che non è ancora da buttar via Ibra.

Giusto ricominciare da zero la prossima stagione con Rangnick in panchina?

Credo che dopo lo stato di forma della squadra e la continuità nei risultati sia un errore pensare di mandar via Pioli. Il Milan non è una squadra che può permettersi un mercato esorbitante e quindi io lascerei tutto com’è. Il tedesco lo vedrei bene nel ruolo di direttore tecnico ma in panchina dovrebbe essere confermato il nostro allenatore attuale. Cambiare sempre non è un bene ne per i giocatori ne per la società. Avanti con Pioli.

La prossima partita vedrà scontrarsi il Milan contro il Napoli di Gattuso. Riuscirebbe a fare un pronostico?

Difficile azzardare qualsiasi tipo di pronostico. Devo ammettere che guardo il Napoli e mi piace veder vincere i partenopei. Questo non perché sia tifoso degli azzurri, sia chiaro, ma perché da tifoso rossonero amo Gattuso. Rino per noi rossoneri ha significato tanto e anche se allena una squadra avversaria io gli voglio bene. Detto ciò, mi auguro che vinca il Milan ma un pareggio non è del tutto da escludere.

Il Milan può sognare il piazzamento in Champions League quest’anno?

Nella vita, così come nel calcio, tutto è possibile. Sembra quasi da matti pensare solamente di poter raggiungere e magari scavalcare un’Atalanta così in forma, ma “se puoi sognarlo, puoi farlo”. Se ci credi puoi raggiungere qualsiasi obiettivo nella vita. Se i rossoneri continuano a collezionare vittorie potrebbe accadere di tutto a fine campionato.