La Confederacao Brasileira de Futebol (CBF), ossia la Federazione di calcio brasiliana, ha annunciato che vigerà una parità salariale tra la prima squadra di nazionale femminile e maschile. Dunque, le giocatrici della Selecao percepiranno lo stesso stipendio dei calciatori.

«Ora non esiste più disparità di genere: ciò che ricevono gli uomini per le convocazioni, sarà destinato anche alle donne. La cifra che otterranno per la conquista di una medaglia, il superamento dei turni nelle Olimpiadi o i premi che riceveranno ai prossimi Mondiali sarà identica a quella in palio per gli uomini.» ha commentato il presidente della CBF Rogerio Caboclo, il quale ha, inoltre, aggiunto che le calciatrici già dallo scorso Marzo erano soggette a tale misura.

Ma non è finita, in aggiunta, il Brasile ha comunicato la decisione dell’assunzione della prima coordinatrice della Nazionale femminile: la prescelta non è altro che Duda Luizelli, ex giocatrice e precedentemente responsabile della squadra femminile dell’Internacional.

Questo obiettivo era stato raggiunto inizialmente dall’Australia, seguita poi da Norvegia e Nuova Zelanda. Tuttavia, lo stesso non sta avvenendo negli Stati Uniti, alle quali giocatrici è stato negato il diritto e la Federazione si sta ancora battendo per il suo riconoscimento.

Decisamente si tratta di un traguardo storico per il calcio brasiliano e soprattutto mondiale, poichè si impegna ad eliminare le differenze di genere e a lottare per l’uguaglianza. L’interesse per il calcio femminile accresce sempre di più e ci auguriamo che avrà il sostegno di tutti gli amanti di questo sport, affinchè lo si possa seguire davvero a 360°.