Soldi e orologi, si sa, sono due argomenti che vanno spesso di pari passo. E’ anche per questo che molti sportivi di fama internazionale fanno sfoggio nelle loro uscite pubbliche di segnatempo di grande valore, in alcuni casi – quando le regole sportive lo consentono – senza nemmeno la paura di utilizzarli durante le competizioni ufficiali e di rovinarli.

La gran parte degli sportivi di tutto il mondo, va detto, indossa al polso smartwatch più economici e la motivazione non è da ricercare soltanto nella maggiore resistenza agli urti (sono generalmente in plastica e concepiti proprio per l’attività sportiva), ma anche nelle ricche funzionalità di alcuni di questi segnatempo digitali. Molti smartwatch, infatti, offrono funzioni come il contachilometri, il contacalorie, il tachimetro, l’altimetro, il misuratore dei battiti cardiaci integrato e via dicendo, con software avanzati che permettono di elaborare in tempo reale statistiche di ogni tipo sulle prestazioni di chi li sta indossando.

Ma quando si parla di orologi, come noto, la tecnica non è l’unico parametro di riferimento. I segnatempo, infatti, sono innanzitutto strumenti di piacere e di autocompiacimento, oggetti da indossare come un “qualsiasi” capo di marca per distinguersi e per fare colpo. Ecco perché alcuni brand del settore orologi di lusso piacciono tanto ai calciatori più noti del mondo.

CR7: pallone d’oro degli orologi

Uno dei calciatori che più amano gli orologi di alta gamma, e se li può permettere tutti, è il mitico Cristiano Ronaldo (per tutti semplicemente Cr7), il più volte pallone d’oro che oggi illumina con i suoi lampi di genio e i suoi gesti atletici al millesimo di secondo le prestazioni della Juventus.

Lo scorso anno Cristiano, giusto prima del match di Champions della Juventus contro il Manchester United, ha fatto mostra in conferenza stampa di un orologio che non è passato inosservato. Tutto il mondo, non solo sportivo, ne ha parlato. E la spiegazione è piuttosto semplice: si trattava di un pezzo unico, molto vistoso nell’aspetto, tempestato di diamanti. In tutto, secondo quanto riferito dai media, il suo segnatempo portava a spasso ben 425 diamanti (bianchi e rossi) per un totale di 15,25 carati. Un oggetto del valore di oltre 2 milioni di euro. A realizzarlo – stando alle indiscrezioni – sarebbe stata la maison svizzera Franck Muller, fondata nel 1954 e diventata nel tempo uno dei marchi più noti nel settore degli orologi di altissima gamma.

Ronaldo e la sua collezione di orologi

Tutto qui? Certo che no. Cristiano Ronaldo è certamente tra i calciatori che amano di più collezionare orologi di pregio e la sua raccolta privata, secondo quanto riportato dai media di tutto il mondo, conta decine di pezzi per un valore di diversi milioni di euro. Basti citare, a corredo, un altro degli orologi più costosi di CR7: un Grand Baguette Diamond Timepiece – sempre tempestato di diamanti – che mostra contemporaneamente l’ora di cinque città del globo. E’ stato prodotto in soli sei pezzi da Jacob & Co e il prezzo d’acquisto si aggira attorno al milione di euro.