La Roma torna in campo questa sera alle 21 per affrontare gli ucraini dello Zorya Luhansk nella gara valevole la quinta giornata del girone C di Conference League. I giallorossi sono chiamati al successo dopo il doppio passo falso con il Bodo Glimt che è costato la testa della classifica. In contemporanea i norvegesi sfideranno il CSKA Sofia fanalino di coda.

Mister José Mourinho dovrà fare i conti con numerose defezioni questa sera che non gli permetteranno di far rifiatare i titolarissimi come avrebbe desiderato. L’unico certo di riposare di quelli appartenenti a quest’ultima categoria è capitan Pellegrini, complice anche l’ormai famigerata infiammazione al ginocchio che sembra non dargli tregua.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>>> Roma-Torino: probabili formazioni e dove vederla

Le scelte

Roma

Lo Special One dovrebbe schierare la sua Roma nuovamente con il 3-4-1-2, al netto di qualche variazione che potrebbe modificarlo in un 3-5-2.

Nonostante il portoghese non sia particolarmente propenso a questo tipo di disposizione tattica, si ritrova costretto a proporla specie a causa della reiterata assenza di Vina e Calafiori. Su quella fascia ci sarà nuovamente El Shaarawy, in esponenziale crescita sotto l’aspetto difensivo, coadiuvato da Darboe e Veretout in mediana, e Karsdorp sull’altra fascia.

In difesa si rivede Smalling che dopo aver accumulato solamente 315 minuti in stagione vorrà ritrovare quella continuità che da troppo tempo latita. Ai suoi lati agiranno Mancini ed Ibanez, altri due titolari inamovibili, considerato il forfait di Kumbulla.

Sulla trequarti verrà riproposto Mkhitaryan, tornato ad agire nel proprio ruolo naturale e conseguentemente ad incidere come fatto abbondantemente lo scorso anno. L’armeno agirà alle spalle dell’inconsueto tandem composto da Zaniolo, pronto a tornare dal primo minuto dopo un riacutizzarsi del dolore al ginocchio che gli aveva impedito di scendere in campo, e Tammy Abraham, reduce da un periodo eccessivamente negativo in termini realizzativi.

Pronti a subentrare Carles Perez e Shomurodov per dare manforte alla manovra offensiva giallorossa in caso di necessità.